I bianconeri Casarini e Ingrosso
I bianconeri Casarini e Ingrosso

Ascoli, 23 agosto 2018 - Due profili ben diversi, ma entrambi importanti per arricchire adeguatamente l’organico dell’Ascoli. Federico Casarini e Gianmarco Ingrosso, due degli ultimi arrivi sono stati presentati ieri alla piazza. "La trattativa si è risolta soltanto all’ultimo - ha esordito il centrocampista -, temevo che non saremmo riusciti a raggiungere l’ufficialità. Nella mia carriera non ho mia cambiato tanto, perché sono un tipo che quando si trova bene in un posto e c’è serietà da parte della società di solito si trova bene. Ho grande entusiasmo e voglia di mettermi in gioco, il vincolo con cui sono arrivato all’Ascoli è temporaneo e quindi dovrò fare bene quest’anno per convincere la società. Affronteremo un campionato impegnativo, ci sono tre gare in meno e sarà più difficile raggiungere gli obiettivi. Dovremo lottare dalla prima all’ultima giornata. Siamo un gruppo unito e abbiamo tutti voglia di fare bene. Dobbiamo iniziare subito a fare punti. Qui ci sono nomi importanti per la categoria, ma oltre ai nomi sarà importante l’unità della squadra perché i nomi da soli non bastano. L’anno scorso a Novara i nomi c’erano ma poi è andata male. Questa è di certo una squadra attrezzata bene e dovremo diventarlo anche a livello generale".

Le sue caratteristiche e il suo bagaglio di esperienza maturato tra A e B con le maglie di Bologna, Cagliari, Lanciano e Novara, saranno a disposizione delle esigenze del tecnico Vivarini. "Mi hanno parlato bene del mister. Non lo conoscevo prima di arrivare qui, me ne avevano parlato bene alcuni ex compagni che lo avevano avuto ad Empoli e Latina, qui conosco solo Kupisz che era a Novara con me. Negli ultimi anni ho giocato grosso modo come mezz’ala, ma il mister mi ha chiesto di ricoprire questo ruolo, sarà un’esperienza stimolante".

Il momento atteso da tanto tempo è finalmente arrivato. In difesa ci sarà anche Ingrosso a respingere gli assalti avversari. "L’Ascoli mi ha cercato subito in maniera concreta - ha dichiarato - con tre anni di contratto e la possibilità di giocare in questa categoria. Mi è subito piaciuto venire qui e non vedo l’ora di dare il mio contributo. Temevo che la trattativa non sarebbe andata in porto, poi si è risolto tutto negli ultimi giorni. Anche fuori si parla molto bene dell’Ascoli, della piazza e della città. In difesa ho ricoperto tutti i ruoli, sono un destro ma ho giocato tanti anni anche a sinistra. Qui c’è un gruppo molto unito, conosco Lanni e D’Egidio che ora è partito. Pisa era una piazza molto calda. Chi ti da tempo poi è normale che pretende anche tanto. Vengo da tanta esperienza fatta in C, questa era un’occasione che aspettavo da tanto tempo. Adesso starà a me confermare quanto fatto vedere negli ultimi anni. Domenica ci teniamo a partire subito bene contro il Cosenza".