L'Ascoli comincia alla grande (LaBolognese)
L'Ascoli comincia alla grande (LaBolognese)

Ascoli, 24 agosto 2019 - Neanche l'acquazzone ha poturo fermare l'Ascoli. I bianconeri iniziano col botto liquidando il Trapani con un 3-1. A risolvere nei minuti finali è Da Cruz con una doppietta dopo il momentaneo vantaggio di Scamacca. A distanza di una settimana il Del Duca ospita il secondo atto tra bianconeri e siciliani. Stavolta le motivazioni sono ben differenti rispetto al match di Coppa Italia. Il tema tattico dell'incontro inevitabilmente risente della presenza di alcuni interpreti di spessore che domenica scorsa erano rimasti a riposo in vista dell'esordio in campionato.

Prima della gara, a tre anni di distanza, vengono ricordate le vittime del terribile sisma che nel 2016 colpì Arquata, Accumoli e Amatrice. Negli schieramenti iniziali Zanetti si presenta con il suo collaudato 4-3-1-2. In difesa Brosco è costretto ad andare in panchina per via delle sue condizioni fisiche non ancora ottimali. Al centro così è di nuovo Ferigra a fare coppia con Valentini, sulle corsie laterali invece vanno rispettivamente Pucino e D'Elia. Sulla mediana si rivede lo stesso terzetto con Gerbo, Petrucci e Cavion. La fantasia di Ninkovic viene sfoderata a supporto del tandem Ardemagni-Scamacca.

Baldini risponde con un 4-3-3 capace di diventare un più abbottonato 4-1-4-1 in alcune fasi dell'incontro. Le novità sono rappresentate dal rientro in difesa di Scognamillo e l'esordio con la maglia granata dell'altro centrale Fornasier. A centrocampo si rivede Colpani mentre davanti stavolta Nzola va in campo dal primo minuto. 

Al Picchio basta un quarto d'ora per passare avanti. Nei minuti iniziali a provarci è Ninkovic con un destro a giro da fuori, ma a sbloccare il risultato è una vera e propria magia di Scamacca. Il centravanti riceve dal limite prende la mira e sgancia un missile che si infila sotto l'incrocio dei pali. Il Trapani accusa la mazzata ma non resta a guardare, anzi prova a riaffacciarsi con una certa prepotenza nella metà campo bianconera. Ci pensa Lanni a sventare il pericolo dopo un batti e ribatti in area che porta al violento sinistro rasoterra di Colpani. La prima frazione si chiude così.

Nel secondo tempo gli uomini di Zanetti abbassano ritmo e baricentro, il Trapani prende coraggio e prova ad approfittarne. I bianconeri soffrono e su una dormita della linea difensiva i granata trovano il gol del pari con Ferretti. Il Picchio non si abbatte e torna a farsi sotto. Alla mezz'ora ci prova Cavion di testa anche l'incessante pioggia caduta nel quarto d'ora finale rischia di rovinare tutto. Proprio sul terreno viscido Da Cruz inventa un'azione personale che porta al nuovo vantaggio dei padroni di casa con l'autorete di Luperini.

Il 3-1 invece è la fotocopia del secondo gol con l'attaccante lanciato verso la rete e abile a chiudere l'incontro. Lo stesso Da Cruz si rende protagonista di un gesto di reazione che porta alla sua espulsione e a quella del granta Scognamillo. Alla fine così l'Ascoli porta a casa tre punti preziosi. 

Il tabellino 

ASCOLI-TRAPANI 3-1 (primo tempo 1-0)
Marcatori: 17' pt Scamacca (A), 19' st Ferretti (T), 38' st aut. Luperini (T), 45' st Da Cruz (A). 

ASCOLI (4-3-1-2): Lanni; Pucino, Ferigra, Valentini, D'Elia; Gerbo (40' st Brlek), Petrucci, Cavion; Ninkovic (25' st Chajia); Scamacca (11' st Da Cruz), Ardemagni.
A disposizione: Fulignati, Brosco, Andreoni, Quaranta, Laverone, Troiano, Piccinocchi, Di Francesco, Rosseti.
All. Zanetti. 

TRAPANI (4-3-3): Dini; Luperini, Scognamillo, Fornasier (34' st Da Silva), Cauz; Aloi, Taugourdeau, Colpani (18' st Scaglia); Nzola, Evacuo (45' pt Ferretti), Jakimovski. 
A disposizione: Carnesecchi, Stancampiano, Martina, Molinari, Tolomello, Golfo, Cataldi.
All. Baldini.

Arbitro: Prontera di Bologna.
Note: 6.659 spettatori per un incasso totale di 62.190 euro; ammoniti Fornasier, Jakimovski e Scognamillo per il Trapani; al 48' st espulsi Scognamillo per il Trapani e Da Cruz per l'Ascoli; corner 4-3 per il Trapani; recupero 3' pt, 4' st.