Ascoli, 13 luglio 2018 - Mostra di Luigi Serafini “Le storie naturali” al Forte Malatesta. L’esposizione, che verrà inaugurata lunedì alle 11.30, rientra nel programma de La Milanesiana ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi.

Si tratta di un percorso nella fantasia dell’autore del Codex Seraphinianum, che espone sette grandi tavole dedicate alle Storie Naturali di Jules Renard. Grazie all’immaginazione surreale e visionaria dell’artista, la natura prende vita e diventa personaggio, ambiente, storia. In esse Serafini racconta anche del suo legame personale e artistico con le Marche. All’inaugurazione partecipano l'artista, Vittorio Sgarbi e Stefano Papetti, curatore delle collezioni comunali di Ascoli Piceno. Con un intervento di Elisabetta Sgarbi. Introduce il notaio Francesca Filauri, promotrice di iniziative di solidarietà a favore delle zone colpite dal terremoto del 2016, e, da tempo, di iniziative culturali in campo artistico, letterario e teatrale attraverso il Circolo letterario “Cultural-mente Insieme” di cui è fondatrice e presidente. La mostra rimarrà aperta fino al 30 settembre.

Alle 21, l’appuntamento è con l’ultima serata in programma al Teatro dei Filarmonici, restituito alla città il maggio scorso dopo i lavori di restauro. Dopo il successo dello scorso 9 luglio alla Centrale dell’acqua di Milano, viene riproposto lo spettacolo Ti ha ucciso la Sicilia travolta dall’Italia. A 50 anni dal ’68, il terremoto del Belice. Epica, destino e vita di Ludovico Corrao, il ricostruttore, di Pietrangelo Buttafuoco. Lo spettacolo è liberamente tratto dal poemetto di Emilio Isgró I funerali di Corrao, deputato regionale della Dc negli anni Cinquanta, poi senatore comunista e per vent’anni sindaco di Gibellina, in Sicilia, assassinato – ormai ottantaquattrenne – dal suo badante bengalese. Con Mario Incudine, PietrangeloButtafuoco, Kaballà e Antonio Vasta.

A chiudere la serata il concerto Labirynth, con Paola Prestini, tra i 35 migliori compositori donna di musica classica (The Washington Post) e Jeffrey Zeigler, uno dei violoncellisti più versatili del nostro tempo, acclamato per il suo estro indipendente, improvvisatore unico nel suo genere e per otto anni membro del rinomato Kronos Quartet. Interviene alla serata Elisabetta Sgarbi.
Lo spettacolo sarà preceduto da un video di Tullio Pericoli: la sua testimonianza per le terre marchigiane ferite dal terremoto, realizzata con opere ispirate al paesaggio sconvolto dal sisma. 

Appuntamenti a ingresso libero fino a esaurimento posti.