Ascoli, 11 settembre 2018 – A Tullio Solenghi e Massimo Lopez sarà affidata l’inaugurazione della nuova stagione teatrale al Ventidio. Il sipario con il Lopez e Solenghi show si alzerà il 10 ottobre per poi fare il bis il giorno seguente. Insieme sul palco dopo 15 anni come due vecchi amici che si ritrovano, in uno spettacolo di cui sono interpreti ed autori, coadiuvati dalla Jazz Company del maestro Gabriele Comeglio, che esegue dal vivo la partitura musicale. Una scoppiettante carrellata di voci, imitazioni, performance musicali, improvvisazioni ed interazioni col pubblico.
Esattamente un mese dopo, salirà sul palco del Ventidio un altro volto noto della tv. Il 10 e 11 novembre Veronica Pivetti diretta da Emanuele Gamba si cimenta in Viktor und Viktoria, commedia con musiche liberamente ispirata all’omonimo film di Reinhold Schunzel nell’insolito doppio ruolo di Viktor/Viktoria, nato sul grande schermo e per la prima volta sulle scene italiane nella sua versione originale.

Monica Casadei, eclettica coreografa emiliana, presenta con la compagnia Artemis Danza il 23 e 24 novembre Il barbiere di Siviglia. Dopo le tragiche vicende di Traviata, Tosca, Carmen, Anna Bolena e Lucia di Lammermoor, alle quali ha consacrato le creazioni degli ultimi anni, Monica Casadei apre una parentesi sul mondo dell’opera buffa dando vita a una speciale versione coreografica del capolavoro rossiniano. Alessandro Preziosi è Vincent Van Gogh, in manicomio, nell’omonimo spettacolo diretto da Alessandro Maggi al Ventidio Basso il 18 e 19 dicembre. La pièce è una sorta di thriller psicologico attorno al tema della creatività artistica che lascia lo spettatore con il fiato sospeso dall’inizio alla fine. Il testo di Stefano Massini è vincitore del Premio Tondelli a Riccione Teatro 2005 per la “scrittura limpida, tesa, di rara immediatezza drammatica, capace di restituire il tormento dei personaggi con feroce immediatezza espressiva”.

Realtà, immaginazione, paura e fantasia si mescolano in Mi amavi ancora…, vicenda avvincente, testo premiato dall'Accademia Francese per la Nuova Drammaturgia, firmata dall’autore Florian Zeller e qui interpretata da Ettore Bassi e Simona Cavallari diretti dalla regia di Stefano Artissunch. Leo Gullotta diretto dalla regia di Fabio Grossi è il protagonista il 9 e 10 febbraio di Pensaci, Giacomino di Luigi Pirandello, testo scritto nel 1917 dal premio Nobel agrigentino e tutt’ora di grande contemporaneità. Un affascinante incontro fra due protagonisti assoluti del teatro italiano: Massimo Ranieri e Giancarlo Sepe, per la prima volta insieme, mettono in scena uno dei testi teatrali tra i più noti e rappresentati di sempre, Il Gabbiano di Anton Cechov al Teatro Ventidio Basso il 12 e 13 marzo. Un grande classico, I fratelli Karamazov di Fëdor Dostoevskij, conclude la stagione in abbonamento il 29 e 30 marzo nella nuova interpretazione di due giganti della scena, Glauco Mauri e Roberto Sturno diretti dalla regia di Matteo Tarasco.

Il 21 ottobre un appuntamento fuori abbonamento impreziosisce la stagione con protagonista la danza interpretata da un’artista d’eccezione, l’étoile di fama internazionale Eleonora Abbagnato, stella del firmamento mondiale. Puccini, questo il titolo dello spettacolo, porta la firma per coreografia e regia di Julien Lestel. Il coreografo francese ha creato questo balletto ispirato alle eroine pucciniane e alle celebri arie da Manon Lescaut, La Bohème, Suor Angelica, Tosca, Madame Butterfly per la sua compagnia con sede a Marsiglia che si esibì per la prima volta nel 2014. Lo spettacolo di Lestel è impreziosito dai costumi affascinanti di Patrick Murru e dalle magiche luci di Lo-Ammy Vaimatapako, ed è una Produzione Daniele Cipriani Entertainment.

Una stagione di teatro per tutta la famiglia attende il pubblico dal 28 ottobre con quattro appuntamenti domenicali che hanno come fil rouge in tema della “paura”, esorcizzata, superata e vissuta come occasione di confronto con essa in una positiva e divertente esperienza di crescita. Si inizia con Cappuccetto rosso de La luna nel letto che lascia spazio il 16 dicembre a un altro grande classico, Pollicino del Teatro del Piccione. Il 10 marzo la rassegna prosegue con Bu bu settete! Fammi ridere che io non ho paura di ATGTP per concludersi il 7 aprile con La storia di Hansel e Gretel della compagnia Crest.

Nuovi abbonamenti dal 24 settembre presso biglietteria del teatro 0736 298770.