Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 giu 2022

2 Giugno, fanfara e onorificenze al merito

Emozione per le parole del presidente Mattarella sulla guerra in Ucraina e per la cerimonia in piazza: premiazione in prefettura

3 giu 2022

L’inno di Mameli, interpretato dal mezzo soprano Ilaria Roscioli sulle note suonate dalla Fanfara dei Bersaglieri, le riflessioni lette da tre studentesse del Piceno e la consegna di otto onorificenze dell’ordine ‘al merito della Repubblica Italiana’. Sono stati questi i momenti principali che, ieri mattina, hanno caratterizzato la cerimonia del 2 Giugno, che si è svolta a piazza Roma. Dopo la deposizione della corona di alloro in onore ai caduti di tutte le guerre, da parte del prefetto Carlo De Rogatis, c’è stata la lettura del toccante messaggio inviato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel quale si è fatto riferimento alla difficile situazione che tutto il mondo sta vivendo a causa della guerra in Ucraina. "Sono trascorsi 76 anni dal voto referendario con cui il popolo italiano sceglieva la Repubblica, inaugurando, dopo l’avventura del fascismo e la tragedia bellica, una nuova pagina della nostra storia – ha ricordato Mattarella nella lettera -. L’Italia avrebbe poi, con la Carta costituzionale, edificato un riferimento sicuro su cui realizzare una nuova comunità, un programma esigente da attuare, all’insegna dei valori della pace e della libertà, dell’uguaglianza e della solidarietà sociale. Oggi, mentre il continente europeo è colpito dall’aggressione della Russia all’Ucraina, la comunità nazionale si raccoglie con orgoglio e convinta adesione intorno agli ideali che ne fondano l’identità e che costituiscono l’impegnativo orizzonte di quanti esercitano funzioni pubbliche. Gli sforzi posti in essere in tutta la penisola per accogliere i profughi provenienti dall’Ucraina – ha concluso il presidente della Repubblica –, sono stati l’esempio di un approccio coerente e virtuoso". Poi, a prendere la parola sono state tre studentesse, con alcune riflessioni sui valori di democrazia e solidarietà. Si è trattato di Maria Angius del liceo classico, Martina Di Vardo del liceo scientifico ed Eleonora Giancola del liceo delle scienze umane. Importante anche il messaggio lanciato da Sergio Loggi, presidente della Provincia. "Anche le istituzioni locali hanno il dovere di riflettere e di rievocare i valori fondamentali di democrazia e di libertà sui quali si fonda la nostra Costituzione – ha spiegato proprio Loggi –. In molti Comuni sono state organizzate iniziative che vedono protagonisti i giovani come i cittadini del futuro e tali attività di sensibilizzazione civica rappresentano il modo migliore per onorare al meglio questa importante ricorrenza. La festa della nostra Repubblica è inoltre occasione per costruire, oltre alle differenze politiche e culturali, prospettive di crescita civile e sociale e concorrere tutti insieme al bene comune".

Al termine della cerimonia di piazza Roma, la mattinata si è conclusa in prefettura con la consegna da parte del prefetto di otto onorificenze dell’ordine ‘al merito della Repubblica Italiana’ ad altrettanti cittadini residenti in provincia: il maresciallo dell’esercito Luca Bellizzi di Spinetoli, il sovrintendente della polizia Gino Fioravanti di Ascoli, i sambenedettesi Sandra Ciaralli, Anna Giuseppina Mandolini, Tablino Campanelli e il vigile del fuoco Mauro Malizia, nonché gli ascolani Giancarlo Bruni e Angelo Davide Galeati.

Matteo Porfiri

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?