Quotidiano Nazionale logo
16 apr 2022

"A me la nuova Curva Sud piace Sarà un Del Duca da 16mila posti"

"La nostra intenzione è rinnovare anche la tribuna coperta, lasciando per ultimo il settore ospiti"

Assessore Nico Stallone, il progetto relativo alla nuova curva Sud, presentato mercoledì, ha suscitato parecchie reazioni, sia in città che sui social. E non è piaciuto proprio a tutti.

Lei cosa ne pensa?

"Ogni volta che viene fatto qualcosa di nuovo è naturale che susciti anche opinioni contrarie. Basta, però, che ogni critica sia costruttiva. A me, personalmente, il progetto piace molto. Qualcuno ha contestato il fatto che la curvi diventi una gradinata, ma solo in questo modo puoi permetterti di avere gli spalti a ridosso del campo da gioco. Tutti gli stadi più moderni del mondo hanno ormai una gradinata e non una curva vera e proprio. Per quanto riguarda lo stile architettonico, invece, ci siamo adeguati a quella che è stata la parte realizzata più recentemente del Del Duca, ovvero la tribuna Mazzone".

Qual è l’aspetto che la colpisce di più in merito al progetto presentato?

"Sono tanti gli spunti che accendono la mia emozione come tifoso. Dal ricordo di Rozzi che campeggerà sugli spalti fino al museo dello sport che verrà allestito. All’interno di quest’ultimo verrà raccontata tutta la storia dell’Ascoli con trofei, gagliardetti, maglie. Poi ci sarà anche l’anfiteatro, che consentirà di recuperare la parte della vecchia curva che non è stata demolita, come i gradoni: un ulteriore spazio a disposizione della città sette giorni su sette. Un progetto, comunque, che ci permetterà di arrivare a una capienza di circa sedicimila spettatori, un impianto da serie A".

Quali saranno invece i prossimi step? Verrà messa mano anche alla curva nord e alla tribuna coperta?

"Assolutamente sì. La nostra intenzione è quella di rinnovare anche la tribuna coperta, lasciando per ultimo il settore ospiti. Una cosa però devo precisarla: la curva sud venne demolita per una questione di instabilità dal punto di vista sismico. Questo è un aspetto che deve essere sempre tenuto in considerazione".

La minoranza sostiene che presentare un progetto quando non si hanno ancora i fondi a disposizione rappresenta una presa in giro da parte dell’amministrazione comunale. Cosa si sente di rispondere?

"Ritengo che il sindaco abbia dato, in questo, una grande prova di maturità. Prudentemente, infatti, Marco Fioravanti non ha parlato di tempi, per ciò che concerne il finanziamento, rinviando ogni comunicazione ufficiale al momento in cui ci sarà la firma. Per ottenere dei fondi, infatti, occorre prima presentare un progetto. E il sindaco ha mostrato rispetto verso gli ascolani".

Dopo la partita della nazionale Under 20 possiamo aspettarci qualche altro evento?

"Abbiamo già un accordo di massima con la nazionale Under 21 per ospitare una partita nel 2023, molto probabilmente una gara ufficiale di qualificazione. E abbiamo anche ripreso contatti con il mondo del rugby".

Matteo Porfiri

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?