Quotidiano Nazionale logo
22 apr 2022

"Acqua per gli orti? No a sterili polemiche"

Il presidente del Consorzio Netti risponde agli agricoltori e ai possessori di terreni in Vallata: "Pronti anche a fornire autobotti"

Il presidente Claudio Netti
Il presidente Claudio Netti
Il presidente Claudio Netti

Manca l’acqua nei campi, protestano gli agricoltori. L’emergenza idrica mette a dura prova tutti, nel Piceno a soffrire la carenza d’acqua, ora, sono gli agricoltori. Nonostante le piogge degli ultimi giorni infatti, c’è chi lamenta ancora disagi.

Alcuni possessori di orti, giardini e terreni ci hanno segnalato che l’acqua del canale irriguo del Consorzio di Bonifica Tronto non è stata ancora ripristinata. Gli utenti si chiedono il motivo di questo ritardo, visto che negli anni precedenti l’acqua era già nei rubinetti. "Abbiamo pagato – dichiarano alcuni proprietari – a marzo il servizio e non capiamo perché al contrario degli altri anni e con una emergenza di questo genere l’acqua ancora non torna. Abbiamo rivolto la domanda al presidente del Consorzio di Bonifica Tronto Claudio Netti.

Presidente Netti, gli agricoltori lamentano la mancanza di acqua dal canale?

"Non capisco questa polemica, l’erogazione dell’acqua nel canale è prevista per il primo maggio, ogni anno ci siamo prodigati per immetterla prima senza chiedere una maggiorazione dei costi. Quest’anno il consorzio ha avuto a che fare con la pandemia, un problema sicuramente non secondario, con tutte le conseguenze che ne sono derivate. Il Covid ha colpito alcuni nostri dipendenti tanto che il Consorzio è andato sotto organico, a questo si sono aggiunti pensionamenti e malattie, tutto questo ha creato una situazione tutt’altro che semplice. Vorrei capire chi si lamenta, li invito a parlare con noi, siamo disposti a mettere a disposizione di queste persone anche autobotti, pur di risolvere i loro problemi. Ma sia chiaro siamo disposti a dare una mano là dove ce n’è bisogno, ma non cavalchiamo sterili polemiche. E’ da anni che garantiamo questo servizio, senza chiedere aumenti e paradossalmente ci sono anche aziende che non pagano".

Adesso ci sono contatori, quindi c’è il modo per farsi rivalere?

"Non è così semplice. Noi stiamo cercando di garantire un servizio fondamentale, facendo autentici miracoli".

Tornando dalla parte di chi paga, chi è virtuoso non può pagare per chi non adempie ai propri obblighi. "Da parte nostra stiamo cercando di non aumentare i prezzi, di andare a favore delle aziende e degli agricoltori. Stiamo facendo del tutto per ripristinare la normale irrigazione dell’acqua, nonostante tutto quello che è successo presto l’acqua tornerà a sgorgare". Intanto ieri pioveva, l’auspicio è che nei prossimi giorni l’acqua torni a sgorgare nel canale.

Maria Grazia Lappa

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?