Amabili accusa l'amministrazione di Acquaviva, "Senza segretario, Ufficio tecnico e nuova scuola"

Capogruppo Amabili accusa l'amministrazione comunale di Acquaviva di paralizzare le attività con nomine occasionali e di non rispondere ad interrogazioni. Disagi anche per turismo e scuola.

Il capogruppo di Acquaviva più forte Giulio Amabili, a valanga sull’amministrazione che ad un anno dall’insediamento è senza segretario, senza Ufficio tecnico e senza nessuna proposta e risposta sulla nuova scuola. "Una situazione di totale irregolarità che paralizza le attività del Consiglio comunale, che tira avanti con nomine occasionali di segretari – afferma Amabili - In barba al regolamento del Consiglio, la maggioranza non risponde ad interrogazioni (alcune risalgono a settembre!), convoca consigli oltre i termini temporali, di domenica a mezzogiorno, o addirittura senza allegare la documentazione nei termini stabiliti. Non mancano disagi per i cittadini, impossibilitati nello sbrigare pratiche di natura tecnica per mancanza di una figura di riferimento. Le richieste per l’accesso agli atti non vengono evase. Sul versante turismo, Acquaviva non se la passa meglio: è l’ultimo comune a pubblicare il calendario eventi estivo e continua a sostenere, anche economicamente, una Pro Loco che non adempie agli obblighi minimi previsti dal suo stesso statuto, utilizzando un immobile comunale: lo IAT. Nulla è dato sapere sulla nuova scuola". I