Ambulatorio medico chiuso: è polemica

Striscioni di protesta a Piane di Morro. Il vicesindaco Flaiani: "Il Comume deve favorire un presidio"

Ambulatorio medico chiuso: è polemica

Ambulatorio medico chiuso: è polemica

È ancora polemica, nella frazione folignanese di Piane di Morro, a seguito della chiusura dell’ambulatorio medico del paese, avvenuta a fine giugno. Dopo che nei giorni scorsi erano comparsi degli striscioni di protesta, seppur ironici, affissi probabilmente da alcuni residenti, sull’argomento intervenie il vicesindaco Angelo Flaiani. "Da decenni i medici di base del territorio non aprono autonomamente uno studio a Piane di Morro ed è chiaro che per avere questo servizio nella frazione debbano coesistere due condizioni – spiega Flaiani –. Innanzitutto che il comune favorisca l’esistenza di un punto medico compartecipando, almeno inizialmente, alle spese per la gestione. Poi, che i cittadini di Piane di Morro sostituiscano il medico di base optando per il nuovo medico permettendo a quest’ultimo di avere un numero di pazienti che giustifichino l’ambulatorio. Credo che il comune abbia fatto bene a prendersi carico dell’apertura dell’ambulatorio, seppure non sia di sua competenza, e che probabilmente, alla base della rinuncia della dottoressa, ci sia la mancanza della seconda condizione. Ritengo che sia opportuno, e bene sta lavorando in questi termini il sindaco, che sia fatto un nuovo tentativo magari con un medico già presente sul territorio. È chiaro che se anche in questo caso i numeri non permettono la presenza di un medico di base a Piane di Morro se ne dovrà prendere atto e farsene una ragione, probabilmente i cittadini sono già soddisfatti del loro medico di base. Sugli striscioni: "C’è chi prova a dare nuovi servizi e chi gode nel vedere le cose andare male".

Matteo Porfiri