Armi alla polizia municipale, è bagarre

L’ex sindaco Piunti ha inviato un diffida all’amministrazione perché convochi al più presto la commissione

Armi alla polizia municipale, è bagarre

Armi alla polizia municipale, è bagarre

"Ritardi del genere, in un’amministrazione pubblica, non sono ammissibili. La commissione sicurezza andava convocata entro lo scorso venerdì, e ad oggi – ieri, nda - ancora niente. Non è possibile che temi tanto delicati non vengano trattati in un’apposita seduta di lavoro, così com’è prevista dal regolamento comunale". È un Pasqualino Piunti a dir poco adirato, quello che ieri mattina ha inviato una diffida al presidente del consiglio Eldo Fanini e al segretario generale Stefano Zanieri, perché convochino al più presto una riunione di commissione sull’armamento della polizia locale. Richiesta che Piunti, assieme a Lorenzo Marinangeli, Emanuela Carboni e Nicolò Bagalini avevano formalizzato settimane fa, visto che nel frattempo l’argomento è stato discusso dal sindaco con il Sap e con il Prefetto. Di norma una commissione dovrebbe essere convocata entro 15 giorni dalla richiesta, ma ciò, nei giorni scorsi, non è avvenuto. "Adesso basta – continua l’ex sindaco – questa amministrazione si dimostra assente e incapace di portare avanti il più elementare confronto su tematiche sentitissime. Ricordo che in campagna elettorale si fece un gran parlare della sicurezza, presentandosi come la panacea di ogni male. Sono passati due anni e tutto ciò che sono riusciti a dimostrare è l’assoluta inadeguatezza politica. Oppure, devo pensare che la questione non interessa? Il fatto, però, è che interessa ai cittadini, ai vigili, ai sindacati, e quindi un sindaco e un’amministrazione non possono esimersi dal parlarne". Alcune settimane fa, il sindaco Spazzafumo dichiarò che l’armamento della polizia locale rappresentava un passaggio obbligato, e una misura che probabilmente sarebbe stata adottata già nel 2024, dopo un periodo di formazione degli agenti. La necessità di armare la polizia locale è stata rimarcata anche dal Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), che ha anche organizzato un convegno dal titolo ‘Le aggressioni alle forze di polizia e al personale sanitario – L’importanza dell’utilizzo del taser’ e al quale è stato invitato, fra gli altri, anche il sottosegretario alla Pubblica Sicurezza Nicola Molteni. L’idea è di inserire il taser nella dotazione della polizia locale, in modo tale che i suoi agenti possano rimanere in servizio per 24 ore al giorno, in ausilio alle forze dell’ordine. Soprattutto d’estate, quando la popolazione di San Benedetto aumenta vertiginosamente. E ora, in assenza di decisioni e indirizzi, la minoranza di destra preme perché l’argomento venga intavolato in commissione.

Giuseppe Di Marco