Arriva il nuovo contratto a Roma: Buste paga più pesanti di 289 euro al mese e nuovi orari di lavoro

Il nuovo contratto della dirigenza medica e sanitaria 2019-22 prevede aumenti di stipendio fino a 10mila euro di arretrati, percorsi di carriera e miglioramento delle condizioni di lavoro. 135mila camici bianchi del Ssn beneficeranno di queste novità, con 618 milioni di euro stanziati dal Governo.

Aumento dello stipendio, con 289 euro lorde al mese in più e fino a 10mila euro di arretrati a testa, ma anche percorsi di carriera e miglioramento delle condizioni di lavoro. A partire dallo stop all’orario illimitato e alle ore in più non pagate dalle aziende, che adesso andranno recuperate. Il nuovo contratto della dirigenza medica e sanitaria 2019-22, firmato ieri all’Aran (Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) dopo 7 mesi di trattative rappresenta un grande passo avanti, affermano i sindacati medici che hanno siglato l’accordo all’unanimità. Riguarda 135mila camici bianchi del Ssn (120.063 medici e 14.573 dirigenti non medici) e le risorse ammontano a 618 milioni di euro.

governo, commenta Paolo Zangrillo, (nella foto) ministro per la P.A., "conferma la sua grande attenzione per la salute pubblica". Anche per il presidente della Federazione degli ordini dei medici, Filippo Anelli, sono state sancite "importanti novità". Vanno dall’orario di lavoro alle pronte disponibilità e alle guardie mediche. Prima della firma finale, il testo dovrà passare le verifiche di competenza per entrare in vigore a inizio 2024. Ora si apre la battaglia per il contratto 2022-24 ma le risorse in bilancio, dicono i sindacati ancora non ci sono. Per questo, dice il segretario Pierino Di Silverio, "saremo in piazza il 7 ottobre come Fp Cgil".