Matteo Sabatini lavora per il suo prossimo Ep
Matteo Sabatini lavora per il suo prossimo Ep

Ascoli, 25 marzo 2020 - «La musica mi salva dall'isolamento», lo afferma Matteo Sabatini, musicista classe 1986 che ha da poco pubblicato un video dal titolo 'Ginnico' con il suo progetto 'Babbutzi'. Dopo la laurea al conservatorio Cherubini di Firenze, è da poco tornato a vivere ad Acquasanta, e adesso si trova in isolamento con la sua famiglia.

«Ho iniziato a suonare all'età di sei anni con il complesso bandistico di Acquasanta – racconta –. La tradizione musicale da 4 generazioni fa parte della mia famiglia. Ho iniziato studiando clarinetto, poi sax e pianoforte fino ad arrivare al basso tuba, con il quale mi sono laureato. Da qualche hanno avevo vari brani nel cassetto. Ho iniziato a comporre pezzi miei a Firenze, e ora grazie a Dico Fone (Diego Cofone) sto registrando i miei pezzi».

L'8 marzo, Sabatini avrebbe dovuto registrare anche un nuovo brano con la banda di Acquasanta e un ep avrebbe dovuto essere già in uscita a fine marzo, ma l'emergenza ha purtroppo fatto saltare i piani. «A causa del Coronavirus non abbiamo potuto riunirci per fare le prove né per registrare – racconta ancora – adesso, però, mi mancano 2 brani e sto cercando di registrarli da casa. I primi sono già su Spotify. Con me, suonano altri musicisti: Sofia Martelli al Sax, Leonardo Lucioni alla tromba, Davide Ferranti al trombone, Riccardo Olori alla batteria. Adesso stiamo cercando di registrare i pezzi a distanza, ma è difficile perché manca in manca l'attrezzatura necessaria». Una soddisfazione, però, c'è già stata, l'uscita del video 'Ginnico', reperibile al link http://bit.ly/ginnico.

«Il videoclip è stato girato da Andrea Giancarli – dice ancora Sabatini – che nel 2015 ha ricevuto il primo premio del festival 'Storie!' con il regista Matteo Garrone alla giuria e noto anche per aver diretto la web serie 'Non voglio mica la luna'. Il video è stato girato in parte all'Ideal pub di Ascoli, in parte a Pedana, paese nei pressi di Mozzano. È ispirato al film 'Il grande Lebowski' e il protagonista, Angelo Chimienti, è un professore di italiano di Firenze. Ora sono a casa e passo tutto il giorno a suonare. Faccio anche lezioni a distanza di strumento fiato e mi sto organizzando per fare concerti e serate per l'estate, aspettando che passi questa tragedia. Sembra di essere in un film. Spero che la visione del videoclip possa almeno allietare e strappare un sorriso ai tanti che ora sono costretti a restare a casa».