Ast, gli organici al lumicino : "Le risonanze magnetiche stoppate nel pomeriggio"

I gruppi Cgil, Cisl, Nursing, Fials, Ugl contro la razionalizzazione dei tecnici radiologi "È una gravissima mancanza e comporta carichi di lavoro squilibrati per chi resta" .

Ast, gli organici al lumicino : "Le risonanze magnetiche stoppate nel pomeriggio"

Ast, gli organici al lumicino : "Le risonanze magnetiche stoppate nel pomeriggio"

La razionalizzazione del personale posta in essere dalla direzione dell’Ast anche per quanto riguarda la sostituzione dei tecnici di radiologia dimessisi e di quelli collocati in quiescenza, per un totale di 5 unità è nel mirino di Cgil, Cisl, Nursing, Fials, Ugl. Le organizzazioni sindacali sottolineano infatti che detta operazione "ha comportato la chiusura delle risonanze magnetiche durante il pomeriggio nonché la presenza di un solo tecnico nelle ore notturne con le gravi disfunzioni già createsi in danno all’utenza Picena la quale potrà fruire di detta prestazione solo in caso di assoluta urgenza". Per Cgil, Cisl, Nursing, Fials, Ugl di tratta di "un ulteriore colpo alla sanità pubblica Picena in favore del privato. L’attuale organizzazione del servizio – aggiungono – comporta inoltre squilibrati carichi di lavoro con la relativa mobilitazione del personale coinvolto. Tale gravissima carenza di personale, che riguarda in primis i sanitari ma anche i tecnici e gli amministrativi, oltre a compromettere il clima ambientale in tutti i posti di lavoro, ha comportato l’attivazione delle prestazioni aggiuntive al costo medio di 480 euro per ciascun turno di lavoro con il conseguente esaurimento, già a giugno 2024, della quasi totalità dello stanziamento all’uopo determinato".

I sindacati riuniti sostengono che con tali risorse, "pari al triplo del costo di un dipendente a tempo determinato, si sarebbe potuto tranquillamente implementare la dotazione organica assicurando un servizio ben diverso e sicuramente più stabile per la collettività. La paradossale ipotesi, infine, di ricorrere a dipendenti interinali per far fronte alle carenze di personale comprometterà ulteriormente la bontà del servizio pubblico del territorio già fortemente depauperato".