Quotidiano Nazionale logo
23 mar 2022

Bancarotta, chiesto il rinvio a giudizio per due

La Procura di Ascoli ha chiesto il rinvio a giudizio per un sambenedettese di 63 anni e un romano di 76 anni che devono rispondere di bancarotta fraudolenta patrimoniale, bancarotta documentale e bancarotta semplice della Marangema, srl, società con sede ad Ascoli di cui il sambenedettese Ferdinando Costantini era amministratore di fatto, mentre il romano Rossi amministratore unico. Il fallimento è stato decretato il 2 febbraio 2017 dal tribunale fallimentare di Ascoli e – secondo la magistratura ascolana – i due, in concorso fra loro, avrebbero distratto la somma complessiva di 772 mila euro. Di questi soldi, 141 mila euro risultano pari al credito risultante dalla contabilità della fallita vantato nei confronti della Arcobaleno srl alla data del fallimento; ciò anche tenuto conto che la società fallita non ha esibito alcuna documentazione contabile riferita agli anni 2014, 2015, 2016, 2017); non risulta alla magistratura che sia stata incassata né che fosse entrata a far pare dell’attivo della società, né utilizzata per fini societari. La somma in questione sarebbe stata compensata dal cliente Arcobaleno srl con quanto dovuto da quest’ultima alla Alpha Viaggi e Soggiorni, società amministrata da Ferdinando Costantini che non avrebbe mai corrisposto e saldato il predetto importo alla fallita Marangema. La somma di 204 mila euro farebbe capo al credito vantato dalla società fallita con la Virgola Viaggi; soldi che per la Procura doveva essere fatturata dalla Marangema all’Alpha Viaggi e Soggiorni, cosa non avvenuta. Stesso meccanismo è contestato anche per altre somme che sono andate a comporre la cifra complessiva di 772 mila euro. Secondo l’accusa i due imprenditori avrebbero arrecato un danno ai creditori della Marangema avendo sottratto, omettendone la consegna, le scritture contabili della società fallita. Sono infine accusati di bancarotta semplice perché avrebbero aggravato il dissesto della società.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?