Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
2 mar 2022

Bilancio: minori entrate per 4,8 milioni

Pellei: "Ci sono luci e ombre, pesano la scarsità di risorse e i rincari dei costi delle materie prime e delle bollette"

2 mar 2022
L’assessore al bilancio Domenico Pellei
L’assessore al bilancio Domenico Pellei
L’assessore al bilancio Domenico Pellei
L’assessore al bilancio Domenico Pellei
L’assessore al bilancio Domenico Pellei
L’assessore al bilancio Domenico Pellei

Speranze, indirizzi e perché no, pure qualche ammissione: di tutto questo e molto altro è fatto il bilancio di previsione. Bilancio che è stato approvato due giorni fa in riunione di giunta e che presenta, come dice chi lo ha redatto, luci e ombre. Da dove partire? Intanto, dalla presa d’atto che nel 2022 viale De Gasperi incasserà qualcosa come 4,8 milioni in meno. Che questa drastica riduzione delle entrate è da addebitare in buona parte alla crisi pandemica, che a sua volta ha generato un caro bollette di cui tutti, già da tempo, si sono abbondantemente accorti. Ma all’aumento dell’energia si somma anche il minor introito derivante dai parcheggi e dall’occupazione di suolo pubblico, precedentemente coperta da moratoria. Tutto ciò comporterà scelte obbligate: su tutte, una spending review generale che coinvolgerà tutti i settori. L’equilibrio di bilancio pertanto verrà raggiunto distribuendo sui diversi comparti il peso del gettito perduto. In tal senso, la previsione di cassa aumenta dai 9 milioni del 2021 a più di 13,5 milioni di quest’anno. Le entrate correnti di natura tributaria, come recita il documento, passano da 30 a 28 milioni e il fondo crediti di dubbia esigibilità rimarrà pressoché invariato rispetto al vincolo legislativo, che impone un accantonamento di oltre 5 milioni. Nel dettaglio, le spese saranno ripartite in questo modo: il costo sostenuto per i servizi istituzionali e di gestione diminuiscono da 21 a 15 milioni, ma riduzioni non indifferenti riguardano anche le missioni inerenti all’istruzione e diritto allo studio – da 7 a 4,8 milioni – allo sviluppo sostenibile – da 15 a 13 milioni – la tutela dei beni culturali - da 2,3 a circa 2 milioni – e le politiche per lo sport – da 2,9 a 2,2 milioni - mentre gli unici aumenti riguardano i trasporti – da 7 ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?