Quotidiano Nazionale logo
14 mar 2022

Chiesa gremita per don Sandro

Montegranaro festeggia il suo vescovo. Il sindaco: "Orgogliosi di lui, ora un nuovo parroco"

Il giorno dopo a Montegranaro si respira aria di festa. Don Sandro Salvucci, da sabato nominato ufficialmente vescovo di Pesaro, celebra la messa di sempre. Una domenica come tutte le altre in cui don Sandro con un tono emozionato, ma rassicurante si rivolge ai tantissimi fedeli che affollano la chiesa di Santa Maria a mezzogiorno, compreso il sindaco Endrio Ubaldi.

"Sono davvero felice per la bella notizia – commenta il primo cittadino –, Montegranaro porta bene, penso anche a don Armando Trasatti, vescovo di Fano che a noi era molto legato, don Sandro ha una profondità unica. È un vero pastore. Montegranaro è felice, egoisticamente parlando ci mancherà, ma è la volontà del Signore. Certo, in poco tempo abbiamo perso don Lambert e ora don Sandro...". E aggiunge: "Quando lui è arrivato da noi per il suo spessore e per la profondità d’animo abbiamo capito subito che sarebbe stato di passaggio, ma ne siamo felici e orgogliosi. Ora però abbiamo bisogno di nuovi Pastori per la nostra comunità".

E proprio su questo aspetto si sofferma don Sandro nella sua omelia consapevole del vuoto che inevitabilmente lascia.

Parla ai parrocchiani preoccupati anche alla luce della carenza di sacerdoti e li rassicura sul futuro annunciando anche che i sessanta cresimandi delle tre parrocchie di Montegranaro il lunedì di Pasqua parteciperanno con lui al tradizionale incontro di chi deve ricevere il sacramento con papa Francesco. Il nuovo parroco dovrebbe arrivare entro maggio, in coincidenza con l’insediamento a Pesaro di don Sandro. "A nome dell’intera città di Pesaro porgo il sincero benvenuto a don Sandro Salvucci, nuovo arcivescovo", il messaggio del sindaco Matteo Ricci.

Quella di ieri è stata una messa resa particolare anche per la presenza in chiesa di don Marco Zengarini, una figura molto cara alla comunità veregrense. Che si augura di vederlo sempre più spesso nei fine settimana.

Prima della celebrazione delle 12 i cresimandi hanno vissuto altri momenti importanti: la visita in Comune accompagnati dal sindaco, a teatro e al campo sportivo.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?