Compra Bmw su internet: raggirato

Compra Bmw su internet: raggirato

Compra Bmw su internet: raggirato

Voleva acquistare una splendida Bmw su internet, ma la prestigiosa e tanto agognata vettura ad Ascoli non c’è mai arrivata, nonostante la caparra versata come da accordi con il venditore. E’ scaturita in un processo la disavventura capitata ad un ascolano di 43 anni che, dopo essere stato truffato, ha denunciato l’accaduto e nel processo si è costituito parte civile, assistito dall’avvocato Umberto Gramenzi. A raggirarlo sarebbe stato un romano di 48 anni, nel frattempo finito in carcere per altra vicenda giudiziaria, che ieri è stato condannato a otto mesi di carcere dal giudice del tribunale di Ascoli che lo ha ritenuto responsabile dell’accusa di truffa. La vicenda risale al dicembre del 2021. L’ascolano vide l’annuncio su internet riguardante un Bmw 118 che era stato messo in vendita dal romano al prezzo complessivo di 9.500 euro. Seguì una breve trattativa che evidentemente ha soddisfatto l’acquirente che ha pensato quindi di far propria l’auto di marca tedesca. Il venditore ha chiesto quindi un acconto di 950 euro e altri 750 euro per il passaggio di proprietà; per cui l’ascolano ha prontamente versato l’importo complessivo di 1.700 euro tramite ricarica postepay. Nella trattativa era stato pattuito che l’ascolano avrebbe corrisposto al romano la somma restante (7.800 euro) alla consegna della Bmw 118 prevista a breve. Ma questo passaggio finale non è mai avvenuto, nonostante i molti solleciti effettuati dal 43enne ascolano che si è quindi rivolto all’avvocato Gramenzi e ha sporto denuncia.

p. erc.