Quotidiano Nazionale logo
4 mar 2022

"Con Ascoli Capitale della cultura coinvolgiamo Marche e finaliste"

Il collegamento dal Filarmonici con la giuria designata dal Ministero. Fioravanti insieme agli altri 32 sindaci del Piceno: "Il nostro progetto di città metromontana, una dialogo tra i territori"

È stato il sindaco Marco Fioravanti, ieri mattina, dal palcoscenico del teatro Filarmonici, il primo a prendere la parola nel corso del collegamento con la giuria designata dal Ministero della cultura per il conferimento del titolo di Capitale italiana della cultura per il 2024. Con lui tutti gli altri 32 sindaci del Piceno, seduti in platea con le fasce tricolori, in segno di un territorio unito e compatto che aspira all’unisono all’ambito traguardo. "Da un anno – dice il primo cittadino ascolano rivolgendosi alla giuria presieduta da Silvia Calandrelli –, abbiamo attivato un processo di partecipazione profonda dal basso, coinvolgendo tutti i comuni della provincia di Ascoli che hanno contribuito alla costruzione del dossier e hanno aderito formalmente con delibera sostenendo la nostra candidatura. All’interno del dossier abbiamo proposto la contrapposizione tra passato e futuro, tra conservazione e progresso, perché se vogliamo custodire l’identità culturale autentica del nostro territorio dobbiamo saper cavalcare il progresso tecnologico, la transizione digitale. Il nostro claim è la cultura muove le montagne, la forza della cultura per rigenerare le aree interne e ripopolare tutto l’Appennino centrale. Abbiamo lanciato il progetto di città metromontana, una dialogo tra i territori per ridare vita alle aree interne che sono la vera identità dell’Italia". Fioravanti ha poi illustrato l’iniziativa Ascoli città aperta. "Se vinciamo – continua – vogliamo coinvolgere non solo Pesaro (tra le dieci finaliste ndr), ma anche tutti i capoluoghi di provincia delle Marche e tutte le altre finaliste". Presenti, nel corso dell’audizione al fianco del sindaco di Ascoli, anche l’assessore regionale alla cultura, Giorgia Latini, il direttore dei musei civici, Stefano Papetti, le imprenditrici Laura Gabrielli e Roberta Faraotti, il presidente della Start, Enrico Diomedi, il presidente della Fondazione Carisap, Angelo Davide Galeati, e il project manager Giorgio Bisirri. A quest’ultimo è spettato il compito di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?