Conad Adriatico al top. Fatturato oltre i 2 miliardi

Nonostante l’anno con forti spinte inflattive, la cooperativa chiude in crescita. L’ad Di Ferdinando: "Abbiamo affrontato con determinazione le sfide".

Conad Adriatico al top. Fatturato oltre i 2 miliardi

Conad Adriatico al top. Fatturato oltre i 2 miliardi

Il Conad Adriatico lancia l’ambizioso piano di sviluppo 2023-2026 e presenta il bilancio dello scorso anno: fatturato di 2.134 milioni di euro (+ 6,65% rispetto al 2022), 323,05 milioni di euro di patrimonio netto consolidato e una quota di mercato del 17,90% nei territori di competenza. Negli ultimi dieci anni, Conad Adriatico ha mantenuto un trend di sviluppo costante, con un aumento complessivo del fatturato del 131%. Sempre restando a tema dati: sono 273 i soci imprenditori della cooperativa, 473 punti vendita e circa 8.450 collaboratori sparsi tra Marche (Ascoli, Fermo, Macerata, Ancona città e alcuni comuni della provincia stessa), Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata. Nel 2023 si conferma poi primo gruppo distributivo nelle Marche (21,29%), nel Molise e in Abruzzo e seconda azienda top nella Regione Marche nella classifica stilata dalla fondazione Aristide Merloni e dall’Università Politecnica delle Marche. "Abbiamo affrontato con determinazione le sfide di un panorama economico e sociale instabile, rimanendo fedele alla missione di creare valore e proteggere il potere d’acquisto dei clienti, supportando i soci Imprenditori – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Conad Adriatico, Antonio Di Ferdinando –. Di fronte a spinte inflazionistiche che hanno raggiunto un picco del 5,7% e tensioni geopolitiche che hanno complicato i mercati energetici e agroalimentari, la nostra cooperativa ha continuato a svolgere un ruolo sociale attivo, stimolando l’occupazione, sostenendo le aziende locali e promuovendo iniziative di responsabilità sociale, con un forte impegno verso la sostenibilità, l’innovazione e la formazione dei collaboratori La sostenibilità è al centro della nostra strategia: stiamo incrementando la produzione e l’autoconsumo di energia pulita, riducendo i consumi nella logistica e nei punti vendita, e prestando particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione e al futuro dei giovani. Conad Adriatico ha intrapreso un percorso significativo che porterà presto alla pubblicazione del primo bilancio di sostenibilità – e conclude -. La nostra leadership non è mai stata un fine a sé stessa, ma un mezzo per creare valore in modo cooperativo e sostenibile". Per il quadriennio 2023-2026 Conad Adriatico ha definito un piano di sviluppo con investimenti per 342 milioni di euro che hanno l’obiettivo di continuare ad accrescere la propria quota di mercato.