Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
24 apr 2022

Concessioni balneari, inizia il cambiamento

24 apr 2022
andrea
Cronaca

Andrea

Agostini*

La Giunta di San Benedetto ha adottato nei giorni scorsi una delibera che individua nel 31122023 la data ultima delle concessioni balneari esistenti. In verità nulla di nuovo, ma un adeguamento alle sentenze del Consiglio di Stato significativo del fatto che il conto alla rovescia per il cambiamento è iniziato. Nonostante il confronto politico, il settore balneare verrà aperto alla concorrenza. Come prepararsi? La pubblica amministrazione dovrà avviare un controllo di legalità sulle strutture in essere volte a garantire l’assenza di abusivismi e difformità di sorta mentre i balneari dovranno cominciare a mettere insieme “le carte”. Chi sarà interessato a concorrere dovrà cominciare a ragionare di requisiti di partecipazione (idoneità e capacità professionale e finanziaria) e criteri di aggiudicazione (offerta economicamente più vantaggiosa). Il concessionario uscente è un operatore esperto del settore quindi avvantaggiato nei requisiti di partecipazione quanto a professionalità e comunque godrà di indennizzo dal subentrante quanto al mancato ammortamento degli investimenti. La criticità sarà data dalla capacità finanziaria, necessaria a tenere botta alla concorrenza straniera e comunque ai gruppi di investimenti. Il suggerimento è che i concessionari inizino a pensare di partecipare alle gare in forma aggregata tra loro cercando inoltre di valorizzare le loro aziende attraverso certificazioni di qualità di gestione. Ma l’alternativa potrebbe anche essere quella di non far nulla. Se la politica nella scrittura delle regole di gara e la pubblica amministrazione nello svolgimento delle procedure dovessero tardare, gli attuali concessionari non potranno certo essere chiamati a rispondere del reato di occupazione abusiva di spazio demaniale marittimo, anzi immagino verranno invitati a rimanere e bene operare perché l’abbandono di beni e servizi sarebbe la negazione di qualsivoglia istanza di valorizzazione delle nostre coste.

*avvocato

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?