Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
11 giu 2022

Dallo spaccio all’estorsione, una condanna

Nel mirino c’erano due albanesi accusati anche di tentativi di rapina. Per uno c’è la pena di sei mesi, mentre l’altro è stato assolto

11 giu 2022
L’avvocato Alessandro Angelozzi
L’avvocato Alessandro Angelozzi
L’avvocato Alessandro Angelozzi
L’avvocato Alessandro Angelozzi
L’avvocato Alessandro Angelozzi
L’avvocato Alessandro Angelozzi

Di una complessa storia avvenuta a San Benedetto e riguardante ipotesi di spaccio di droga, tentativi di rapina, estorsione e di usura si è occupato il Collegio del tribunale di Ascoli davanti al quale sono comparsi due albanesi residenti in riviera, il 40enne Klodian Hymeti e il 39enne Gjon Krepi, entrambi difesi dall’avvocato Alessandro Angelozzi. Hymeti è stato condannato a sei mesi mentre il connazionale è stato assolto. Per entrambi la Procura aveva chiesto la condanna a quattro anni e mezzo di reclusione. Il collegio composto dai giudici Panichi, D’Ottavi e Proietti ha condannato Hymeti solo per la detenzione di sostanze stupefacenti, assolvendo lui e Krepi invece per le altre ipotesi di reato, lo spaccio e il tentativo di rapina, estorsione e usura. Una vicenda che risale alla primavera del 2018. I carabinieri del Comando provinciale di Ascoli intervennero a Monteprandone dove arrestarono i due albanesi residenti a San Benedetto, già conosciuti alle forze dell’ordine. L’accusa era quella di aver sottoposto a pressanti minacce un giovane tossicodipendente di Monsampolo e di aver portato a termine la loro richiesta estorsiva per una cessione di droga non pagata, intascando dalla vittima 200 euro. I militari dell’Arma li hanno bloccati e arrestati visto che, all’esito delle perquisizioni personali e domiciliari furono trovati in possesso di alcuni grammi di cocaina. I due furono all’epoca rinchiusi nel carcere di Marino del Tronto.

Il tossicodipendente, secondo la Procura, aveva maturato debiti per l’acquisto di droga, non pagata. A quel punto, a fronte di un debito di 525 euro che col calcolo degli interessi era salito a 1.500 euro, avrebbe ricevuto dai due albanesi richieste pressanti affinché cominciasse a pagare quanto dovuto, tanto più che se avesse ritardato a farlo gli interessi sarebbero ulteriormente lievitati. Il 16 maggio 2018 il ragazzo fu inseguito e picchiato da due soggetti che lo avrebbero anche minacciato di andare a prendere una pistola (mai effettivamente ritrovata a casa dei due imputati). I due albanesi lo minacciarono per farsi consegnare altri 1.000 euro ma a quel punto intervennero i carabinieri. A fronte di questo impianto accusatorio, l’istruttoria dibattimentale non ha portato però a dimostrare la loro colpevolezza in merito ai reati più gravi, i tentativi di rapina, estorsione e usura per i quali sono stati entrambi assolti.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?