"E adesso basta con il consumo di suolo"

"E adesso basta  con il consumo  di suolo"
"E adesso basta con il consumo di suolo"

Netta presa di posizione del circolo Legambiente di San Benedetto Lu Cucale contro il consumo del suolo. Il presidente Sisto Bruni ha sottolineato facendosi portavoce delle altre sigle impegnate nella tutela del territorio: "Tutte le associazioni ambientaliste continuano a ribadire che la scienza va ascoltata e il nostro territorio rinaturalizzato e non urbanizzato ulteriormente". In merito alla tragica alluvione che ha colpito il nord delle Marche e l’Emilia Romagna il presidente Sisto Bruni ha aggiunto: "L’ennesimo disastro ambientale che ha colpito il nostro Paese è frutto di una serie di concause che vedono in cima alla lista i cambiamenti climatici e il disastroso stato del territorio soggetto a continua urbanizzazione e cementificazione, molto spesso mal pianificata. Noi ambientalisti da sempre denunciamo i rischi di un territorio maltrattato e laddove c’è stato un aumento di cementificazione e dunque di impermeabilizzazione del suolo, si accentuano fenomeni di allagamento e aumento di temperatura non solo nel periodo estivo". Non sempre gli appelli degli ambientalisti vengono ascoltati e in proposito il presidente Sisto Bruni ha detto: "Purtroppo non solo i nostri avvertimenti restano inascoltati, ma anche gli studi e i report, presentati ogni anno dall’Ispra sul consumo di suolo, vengono regolarmente ignorati. Vogliamo ricordare che il suolo è una risorsa indispensabile, non rinnovabile: ci appelliamo a tutti i sindaci del Piceno ed in particolar modo ai nuovi eletti nell’ultima consultazione elettorale di mettere al primo posto dei loro impegni la gestione e la cura del territorio di competenza. Si provveda fin da subito al monitoraggio degli argini sia dei grandi fiumi che dei piccoli torrenti, ma soprattutto si metta finalmente mano alla grande opera di rinaturalizzazione del territorio, mai come oggi così urgente".

Vittorio Bellagamba