Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 feb 2022

Emma Di Carlantonio morta a 2 anni: una folla attonita ai funerali della piccola

Volo di palloncini e di colombe all'uscita dalla Chiesa della bara bianca

21 feb 2022
marcello iezzi
Cronaca
Il feretro all'uscita dalla Chiesa tra ali di folla (foto Sgattoni)
Il feretro all'uscita dalla Chiesa tra ali di folla (foto Sgattoni)
Il feretro all'uscita dalla Chiesa tra ali di folla (foto Sgattoni)
Il feretro all'uscita dalla Chiesa tra ali di folla (foto Sgattoni)

San Benedetto, 21 febbraio 2022 - Centinaia di persone dentro e fuori alla Cattedrale della Madonna della Marina, per salutare Emma Di Carlantonio, la bambina di due anni e mezzo morta nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Salesi di Ancona nella notte fra giovedì e venerdì della scorsa settimana. Fiori, palloncini bianchi, una gigantografia di Emma di fianco all’ingresso della Cattedrale e poi in piazza Nardone è comparso un lungo striscione con la scritta “Tu sei nata dove c’è sempre il sole. R.I.P. piccola Emma”.

Emma di Carlantonio, morta per una leucemia fulminante
Emma di Carlantonio, morta per una leucemia fulminante

Tanto cordoglio durante la funzione religiosa presieduta da don Patrizio Spina che ha parlato della fatica dei genitori, dei nonni e dei parenti di Emma che non hanno più lacrime. “Non abbiamo parole Signore, siamo avviliti e siamo sfiniti, i genitori di Emma in modo particolare. Le tue lacrime Signore si uniscono alle nostre mentre tu abbracci Emma”.

Tanta gente è rimasta a seguire la Messa nella piazza dov’era posto anche un banchetto per raccogliere opere di bene da destinare all’ospedale Salesi di Ancona, divisione “Oncoematologia Pediatrica” che aveva seguito la bambina qualche mese fa. Al termine del rito religioso il momento più struggente con i saluti dei parenti al piccolo angelo. Frasi cariche di dolore, di ricordi, richieste di vicinanza ai genitori, perfino una bellissima poesia in rima intitolata “E’ nata una stella”…la più bella e splendente, la più vicina all’Onnipotente…”. All’uscita dalla Chiesa, la piccola bara bianca, su cui i genitori, i nonni ed i cuginetti hanno scritto i loro saluti con i pennarelli, è stata salutata da un lungo applauso, il volo di decine di palloncini e di colombe bianche.



 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?