Quotidiano Nazionale logo
15 apr 2022

Fritto misto compie 18 anni e diventa green

Unica manifestazione delle Marche a foggiarsi del logo "plastic free", tornerà in piazza Arringo dal 23 aprile al primo maggio

La conferenza di presentazione
La conferenza di presentazione
La conferenza di presentazione

Tradizionale appuntamento primaverile con ‘Fritto misto’, dal 23 aprile al primo maggio, in piazza Arringo e quest’anno, per la sua diciottesima edizione, si arricchirà di alcune novità: dallo spazio dedicato alle grandi paste italiane, alla presenza delle erbe spontanee dei Sibillini, fino alle ricette tipiche dei Sibillini in versione cibo di strada. L’organizzazione di Stefano Greco della Tuber Communications ha inoltre pensato di apportare alcuni cambiamenti nell’allestimento della struttura che vedrà moduli cucina affiancare il Palafritto, in maniera tale da rendere più leggero l’impatto visivo. E ancora, ‘Fritto Misto 2022’ si presenterà come un’edizione green con una certificazione di evento ‘total plastic free’, attestata dalla start up innovativa ‘Plastic free certification’ riconosciuta dal Ministero dell’ambiente. "Fritto misto diventa maggiorenne – dice il sindaco di Ascoli, Marco Fioravanti -, e portare avanti per 18 anni una manifestazione del genere significa lavorare, essere determinati e superare gli ostacoli. Quest’anno l’evento ha sposato un po’ il nostro disegno del territorio, ossia, da una parte l’aspetto della sensibilizzazione nei confronti del rispetto dell’ambiente con la certificazione di plastic free, dall’altro il coinvolgimento dei comuni del Piceno, e infatti ci sarà una sezione dedicata alle erbe spontanee dei monti Sibillini". "Adotteremo – continua Greco – anche misure idonee al contenimento dell’inquinamento atmosferico, attraverso l’utilizzo di una parte di attrezzature alimentate con energia elettrica e di conseguenza con abbattimento notevole di emissioni di anidride carbonica". Per quanto riguarda la proposta enogastronomica, accanto ai grandi fritti, ci saranno le ricette del ‘foraging’, ovvero la pratica della raccolta di erbe spontanee trasformate poi in cucina dall’estroso chef del Sola Restaurant di San Benedetto, Simone Muscella, e le ricette della tradizione dei Monti Sibillini presentate in versione cibo di strada. Queste ultime saranno rielaborate dallo chef Davide Camaioni del ristorante ‘PostoNuovo’ di San Benedetto. Tra gli chef spicca il nome di Davide Di Fabio del ristorante ‘Dalla Gioconda’ di Gabicce Monte che presenterà una linea completamente innovativa di olive ripiene. Il Palafritto sarà aperto dal 23 aprile al primo maggio, dalle 12 alle 15 e dalle 18 alle 23. E’ possibile acquistare anche la Fritto card che permetterà di beneficiare di omaggi e sconti su tour guidati in città e musei.

Lorenza Cappelli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?