Ascoli Piceno, 2 agosto 2021 - La situazione clinica di Gaetano Curreri è in lento e graduale miglioramento, fanno sapere dai vertici dell’Area Vasta 5, dopo l’infarto che ha colpito il cantante a San Benedetto del Tronto, quasi al termine della rassegna "Nel cuore, nell’anima. Ritratti d’autore in musica e parole", all’interno della quale era in corso il concerto di Curreri, dal titolo "Canzoni da Camera", organizzata dal comune di San Benedetto del Tronto, con l’Amat. L’artista, dopo essere stato soccorso dai medici che erano presenti tra il pubblico, per il malore che lo ha fatto accasciare sul palco, in piazza Bice Piacentini, al Paese Alto di San Benedetto, è stato preso in carico dall’Uoc di Cardiologia, all’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno. Curreri ha già potuto ricevere la visita della sorella Gilda, che era al concerto a San Benedetto.

Gaetano Curreri sul palco del Paese Alto a San Benedetto poco prima di avere il malore

Malore per Gaetano Curreri a San Benedetto del Tronto durante un concerto. "Sto meglio"

Il bollettino medico di sabato 31 luglio, emesso dal dottor Giancarlo Viviani, indicavano che le sue condizioni al momento rimangono critiche, è vigile e stabile. Ora la situazione è in miglioramento, e questo non può che far piacere ai tutti suoi fans, quelli che sabato erano accorsi per applaudirlo e quelli che, numerosi, sui social, hanno espresso gli auguri allo storico cantautore, tastierista e arrangiatore, leader degli Stadio, nonché principale compositore. Curreri, 69 anni compiuti un mese fa, stava concedendo il primo bis, stava cantando il brano "Piazza Grande" dell’amico Lucio Dalla, quando si è sentito male, ha cominciato a balbettare e si è accasciato al sholo, sorretto dai musicisti che gli erano vicino e dalla manager Laura Cordischi: aveva offerto grandi emozioni al pubblico, per un percorso tra i brani scritti da Curreri: da "Ti prendo e ti porto via", a "Buoni e cattivi", e ancora, "Un senso", "Sorprendimi", "Sono solo parole". Con lui i Solis String Quartet e in qualche brano anche due compagni della lunga e apprezzata avventura degli stadio: il bassista Roberto Drovanti e il chitarrista Andrea Fornili. In apertura del concerto il leader degli Stadio aveva definito splendida la piazza che ospitava il concerto, Piazza Bice Piacentini, ritenendola la giusta collocazione per il suo concerto. Non è la prima volta che il leader degli Stadio ha problemi di salute sul palco; nel 2003 ebbe un live attacco ischemico transitorio, durante un concerto con la band, ad Acireale, nel 2019 cadde sul palco a Castelraimondo, durante la data zero di un tour: una caduta senza gravi conseguenze, fu detto nella pagina Fb degli Stadio, per la quale fu trasportato, comunque, all’ospedale di Camerino.