"Scarcerate Leopoldo Wick". Questo ieri hanno di nuovo chiesto i legali dell’infermiere accusato delle morti sospette alla Rsa di Offida. Il giudice Rita De Angelis si è riservata la decisione sull’istanza presentata dagli avvocati Pietropaolo, Voltattorni e Filipponi; il pronunciamento è atteso entro pochi giorni. Wick è rinchiuso nel carcere di Marino del Tronto dal 15 giugno 2020, ormai da un anno quindi. "Non ha più senso che sia detenuto a più di due anni dall’ultimo episodio che gli viene contestato e dopo un anno di detenzione, tenuto anche conto che nell’anno e più trascorso dall’ultimo decesso contestato e l’arresto non era successo assolutamente nulla" sottolinea l’avvocato Voltattorni ricordando che "la custodia cautelare non deve essere già un’esecuzione della pena". Soddisfazione fra le tante parti civili rappresentate dagli avvocati Mion, Occhiochiuso, Carosi, Gozzi, Vespasiani, Flaiani, Gionni, Talarico, Pierantozzi, Zeppilli.