Quotidiano Nazionale logo
13 apr 2022

"La canzone per la piccola Emma" Di Nino: sconvolto dalla tragedia

Al videoclip è stato associato anche il link dell’Ail, l’associazione italiana contro le leucemie

Il musicista Sandro Di Nino
Il musicista Sandro Di Nino
Il musicista Sandro Di Nino

(Quasi due mesi fa, la mattina del 18 febbraio, il Piceno si svegliò sconvolto da una tragica notizia: era morta la piccola Emma Di Carlantonio, la bimba di soli due anni, di San Benedetto, colpita da una leucemia fulminante e finita in ospedale solo poche ore prima. Una malattia assurda, inaspettata, improvvisa. Che non le ha lasciato scampo. Che ha strappato via la sua vita proprio sul nascere. Che ha gettato nel più totale sconforto la sua famiglia. I genitori di Emma hanno vissuto il dramma con il massimo della dignità, nella consapevolezza che un giorno torneranno ad abbracciare la loro piccola. In un mondo decisamente migliore. A quasi due mesi da quella tragedia, un meraviglioso gesto di vicinanza è arrivato dal musicista e compositore Sandro Di Nino, che vive ad Acquasanta e che ha deciso di dedicare una canzone proprio ad Emma. Il brano, strumentale, si intitola appunto ‘Per Emma’ ed è stato già diffuso sui social. Al videoclip, realizzato dallo stesso musicista, è stato associato anche il link dell’Ail, l’associazione italiana contro le leucemie, nella speranza che in tanti possano fare delle donazioni a favore della ricerca. Nonostante una carriera artistica lunga quasi quarant’anni, poche volte, come in questo caso, Sandro Di Nino non è riuscito a trattenere la sua emozione. "Sono nonno di tre nipotini – racconta il musicista – e la morte di Emma mi ha sconvolto. Mi sono immedesimato nei genitori, nei nonni, negli zii della bambina. E ho provato soltanto a immaginare il dolore che stavano affrontando e che continueranno ad affrontare. Il dramma di questa bambina mi ha colpito. Poi, una notte è successa una cosa particolare. Di colpo, mi venne in mente un’aria musicale, mentre suonavo la mia chitarra. Decisi di orchestrarla in studio ed è venuto fuori questo brano, che mi ha fatto subito pensare alla sofferenza vissuta dai genitori di Emma, trasmettendomi però anche un messaggio di speranza. Quella speranza che gli occhi di questa meravigliosa bambina erano in grado di comunicare". Nel videoclip, diffuso sui social, accanto al musicista c’è anche una ballerina, l’acquasantana Silvia Giovannozzi, che ha realizzato una coreografia sulle note del brano.

Matteo Porfiri

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?