Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 apr 2022

La lastra di marmo in frantumi È polemica a Massignano

Indignazione a Villa Santi, era appesa sulla facciata della chiesa. I pezzi nel sotterraneo

29 apr 2022

Indignazione a Villa Santi di Massignano dove una spessa lastra di marmo appesa sulla facciata della chiesa dedicata ai Santi Felice e Adaucto, con i nomi incisi delle famiglie mecenati che contribuirono alla ristrutturazione del dopo terremoto, è finita in frantumi. Un accadimento inspiegabile per l’allora parroco don Mario Angelini, che di recente ha scoperto i pezzi della lastra di marmo ricoverati nel sotterraneo della chiesa. Gente del luogo racconta che la lapide è stata scesa dalla facciata della chiesa e messa a terra, dov’era rimasta per molto tempo, poi è stata ritrovata, fatta a pezzi, in un locale dello scantinato del luogo di culto. Toglierla dalla parete non dev’essere stata un’operazione molto semplice, perché la lastra di travertino è spessa 4 centimetri ed ha un peso di circa 6 quintali. Un lavoro eseguito da diverse persone o con l’ausilio di una gru. Nessuno, però, è in grado di raccontare chi e come stata tolta dal muro e soprattutto il perché. C’è poi da chiarire com’è finita in pezzi e chi li ha recuperati e custoditi. Un giallo per i residenti e lo stesso don Mario che ripercorre la storia di quell’iscrizione. "I cittadini di Villa Santi hanno sempre amato quella chiesetta e sono stati sempre molto generosi – dice l’ex parroco – La feci realizzare in occasione delle celebrazioni per il 50° anno di fondazione della chiesa, il 15 maggio del 2011. Su quella lapide ci sono i nomi di tutte le persone che donarono 183mila euro per riparare i danni provocati dal sisma. I lavori furono programmati e concordati con gli organi competenti e con la Regione Marche che poi avrebbe dovuto concorrere alla spesa. Ricevetti dalla Regione tanti ringraziamenti meno che i fondi, poiché furono destinati a un’altra parrocchia".

Marcello Iezzi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?