Quotidiano Nazionale logo
24 apr 2022

La scuola è stufa Basta interventi senza confronto

giuseppe
Cronaca

Giuseppe

Buondonno*

Proprio non è accettabile, nel metodo e nel merito, il decreto del governo sul reclutamento dei docenti. Nel metodo, perché la scuola è stufa di veder affrontare a colpi di decreto i problemi che la riguardano; senza confronto reale, né sindacale, né parlamentare (e men che meno all’interno delle scuole). Si decide della vita di decine di migliaia di insegnanti precari, giovani e meno giovani; si fanno scelte che incideranno su milioni di studenti, senza alcun dibattito, dopo anni difficilissimi in cui la scuola ha retto anche grazie a queste migliaia di docenti precari. Nel merito, perché invece di semplificare - pur nel rigore delle procedure - l’accesso al ruolo di chi insegna da anni, lo si trasforma in un percorso a ostacoli che, per giunta, col sistema dei Cfu (a pagamento), non garantisce né equità, né qualità della formazione; costringendo chi deve vivere e pagarsi la formazione, a lavorare part-time. La sostanza è che si vuole scoraggiare la carriera scolastica, mentre c’è bisogno di molti più insegnanti, più stabili. Chiediamo il ritiro di questo decreto e l’apertura di un confronto per una riforma complessiva del reclutamento, che non penalizzi chi sceglie questo lavoro, che preveda una formazione in ingresso lineare, rigorosa e gratuita, non un "percorso di guerra". Le forze politiche che siedono in maggioranza ma hanno espresso riserve su tali indirizzi (oggi trasformati in decreto legge), ci auguriamo si uniscano alla richiesta di ritiro e di apertura di una discussione seria.

* Responsabile Scuola e Università della Segreteria Nazionale di Sinistra Italiana

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?