Quotidiano Nazionale logo
7 mar 2022

Lancio di sassi e bottiglie: tafferugli tra tifosi

Tensione prima del derby tra Fermana e Ancona Matelica vicino al centro vaccini di viale Trento. È intervenuta la polizia

fabio castori
Cronaca

di Fabio Castori Un attacco premeditato per raggiungere la zona vietata ai tifosi ospiti e colpire la gente che se ne stava andando tranquillamente allo stadio. Un attacco che è stato messo a segno ieri pomeriggio nei pressi dello stadio Recchioni poco prima del calcio d’inizio della partita di calcio Fermana - Ancona Matelica. Protagonisti dell’incursione una cinquantina di ultras dorici che sono venuti in contatto con un gruppo di tifosi canarini nei pressi del centro vaccinale di viale Trento. I supporter anconetani hanno iniziato a lanciare sassi, bottiglie e bombe carta, provocando la reazione dei fermani. Nel frattempo, però, sono sopraggiunti i poliziotti impegnati nel servizio d’ordine che hanno caricato i tifosi anconetani, disperdendoli e costringendoli alla fuga. Non sono stati registrati feriti, anche se in terra, sul luogo dello scontro, è rimasta qualche macchia di sangue. Nessuno dei protagonisti dei disordini è stato fermato. Ora toccherà alla Digos entrare in azione per cercare di identificare gli autori della vile aggressione. Secondo una prima ricostruzione, gli ultras dorici, invece di percorrere il tragitto predisposto per gli ospiti, avrebbero raggiunto Fermo transitando nelle strade dell’entroterra. Una volta raggiunta la città avrebbero parcheggiato le auto in luoghi isolati a monte dello stadio, per eludere i controlli delle forze dell’ordine, quindi si sarebbero diretti verso il Recchioni procedendo a piedi in direzione mare, per poi raggiungere la zona della strada provinciale della Castiglione e quindi risalire verso lo stadio alla spicciolata. Una volta raggiunte le vie adiacenti al Recchioni hanno attaccato gli altri tifosi che si stava recando alla partita. Un episodio che ricorda molto quello messo in atto l’8 maggio del 2011 sempre dai tifosi anconetani. Anche in quel caso, con un piano ben congeniato, gli ultras dorici per evitare i controlli delle forze dell’ordine, avevano percorso la Provinciale Mezzina dopo essere ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?