La lista Libera San Benedetto, a sostegno di Antonio Spazzafumo
La lista Libera San Benedetto, a sostegno di Antonio Spazzafumo
Ripristino delle strutture sportive, riqualificazione delle periferie, aumento del verde e miglioramento della viabilità: è da qui che Libera San Benedetto, lista a sostegno di Antonio Spazzafumo, intende affrontare le elezioni comunali del 3 e 4 ottobre, presentandosi ad un elettorato che dovrà decidere se riconfermare il sindaco uscente oppure dare spazio ad altri volti della politica...

Ripristino delle strutture sportive, riqualificazione delle periferie, aumento del verde e miglioramento della viabilità: è da qui che Libera San Benedetto, lista a sostegno di Antonio Spazzafumo, intende affrontare le elezioni comunali del 3 e 4 ottobre, presentandosi ad un elettorato che dovrà decidere se riconfermare il sindaco uscente oppure dare spazio ad altri volti della politica rivierasca. A comporre la squadra sono Maria Balloni, Luciana Barlocci, Diego Benigni, Umberto Biondi, Daniele Boellis, Laura Camaioni, Umberto Capriotti, Piero Ciabattoni, Enrico D’Addazio, Sara Dell’Ernia, Bruno Gabrielli, Stefano Gaetani detto Fanini, Salvatore Iuorio, Sabatina Liberatore detta Miriam, Cristina Mazza, Sabrina Merli, Gino Micozzi, Roberto Palestini, Roberta Pignotti, Domenico Piunti, Ida Ricci, Luca Rivosecchi, Rolando Rosetti e Cesilde Spalvieri. "Ognuno di loro ha un bagaglio di vita importante – commenta il candidato sindaco – Su ogni persona ho combattuto perché entrasse in Libera e subito è stata trovata un’unione d’intenti". Spesso etichettata come la coalizione ‘anti-Piunti’, Libera non abbandona la nomea che si è fatta in questi mesi, proponendo però soluzioni ai problemi tirati in ballo. "In tanti anni abbiamo organizzato molti incontri con l’amministrazione – dice Balloni, insegnante e imprenditrice – ma gli unici che si presentavano erano gli assessori Traini e Assenti, mentre il sindaco non è mai venuto. Quelle due figure le abbiamo viste passare come due fantasmi, fare bei discorsi per poi non combinare nulla. Tutto andava in fumo. Direi anche basta: abbiamo bisogno di un sindaco che può rispondere alle nostre richieste". Tante le idee, come quella di Bruno Gabrielli che propone di riqualificare il letto dell’Albula con un percorso ad hoc, o l’ipotesi di un brand turistico portata avanti da Rolando Rosetti. Per Camaioni, inoltre, sarà fondamentale rifare il sottopasso di via Mare, nell’ottica di rilanciare l’intera strada.

g.d.m.