Malika Ayane con il sindaco di San Benedetto, Pasqualino Piunti (Foto Sgattoni)

San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno), 6 novembre 2018 - Invitati da Malika al suo prossimo concerto a dicembre ad Ancona. Si è conclusa felicemente una disavventura che aveva a che fare con i biglietti per il concerto della Ayane, con i fan invitati dalla stessa cantante ad essere suoi ospiti nella prossima data in regione.

La data zero del tour, oltre a coinvolgere centinaia di appassionati, ha anche avuto qualche problema all’inizio dello spettacolo. Fabio Panichi di Teramo e Silvana di Martinsicuro infatti hanno dovuto rinunciare ai posti in prima fila, con biglietti acquistati addirittura a settembre, e spostarsi nelle file successive: «Ci è stato chiesto di lasciare i posti: eravamo già seduti – dice Fabio Panichi – e ci hanno detto di scendere al botteghino per chiarire. Quando siamo tornati i posti erano stati occupati. Gli organizzatori si sono giustificati affermando che le prime quattro file erano equivalenti, però siamo stati noi a doverci spostare, che avevamo pagato, e non i rappresentanti istituzionali».

Sempre sui social Malika Ayane ha raccolto la lamentela e si è scusata anche con Silvana, costretta al cambio di posto. «Avevo scelto la prima fila perché ho una disabilità alle gambe e quindi ogni tanto devo stenderle», spiega la donna. L’artista ha invitato gratuitamente quanti hanno sofferto il problema dei posti, al concerto in programma a dicembre ad Ancona. A parte la polemica però, quella di Malika è stata una grande festa di luci e musica. Un concerto spettacolo, che ha visto l’artista dapprima sul cubo sospeso al centro del palco, circondato da teli, per poi scendere come un’acrobata. Con lei i musicisti Daniele Di Gregorio alla marimba, Carlo Gaudiello al piano, Marco Mariniello al basso, Nico Lippolis alla batteria e Jacopo Bertacco alla chitarra.

La cantante milanese, sul finire del concerto, ha ringraziato San Benedetto e il suo primo cittadino, Pasqualino Piunti, in prima fila ad ascoltarla, per l’ospitalità ricevuta durante la sua permanenza e rivolgendosi al pubblico ha dichiarato: «Il vostro sindaco ha una voce da Dio» riferendosi all’incontro avvenuto durante la sua permanenza in città quando il sindaco ha accennato il ritornello di una sua canzone. Inevitabile il bis, espresso con il brano «Adesso e qui».