Quotidiano Nazionale logo
10 mar 2022

Pescatori in sciopero fino a sabato

Ieri la manifestazione a Roma, il Governo ha promesso aiuti per contere in caro-gasolio e sostenere il settore

Settore pesca in ginocchio
Settore pesca in ginocchio
Settore pesca in ginocchio

Bicchiere mezzo pieno per i pescatori che ieri si sono recati a Roma per manifestare contro il caro gasolio e per incontrare il sotto segretario alle Politiche Agricole, Francesco Battistoni. I rappresentanti delle marinerie italiane, in stato di agitazione, si sono incontrati in Piazza Santi Apostoli per una manifestazione di sensibilizzazione poi, una piccola delegazione, capitanata da Francesco Caldaroni, coordinatore nazionale degli armatori, è stata ricevuta da Battistoni che ha anticipato le intenzioni del Governo: l’adozione di un provvedimento ministeriale d’urgenza a sostegno finanziario delle imprese di pesca colpite, prima dalla pandemia ed ora dalla crisi energetica. L’ipotesi è quella di stanziare 20 milioni di euro annunciando anche la velocizzazione delle liquidazioni degli indennizzi. In seguito un’altra delegazione si è incontrata con l’onorevole Lorenzo Viviani, comandante e pescatore professionista, che confermato le intenzioni del Governo. Alcune marinerie hanno anche proposto un fermo pesca anticipato per superare questo difficile momento, nella speranza che la guerra cessi in fretta e che il prezzo del petrolio, al barile, scenda. L’esponenziale aumento del carburane non permette più di sostenere l’attività di pesca: nel giro di due-tre settimane si è moltiplicato del 150%, passando da 40 centesimi ad un euro al litro e, per motopescherecci che consumano migliaia di litri al giorno, è diventato una tombola. La questione relativa al costo del carburante, a ogni modo, non è legata tanto all’aumento del greggio, ma soprattutto al costo di produzione che sta causando l’effetto valanga sul prezzo alla pompa. In questo momento l’unica soluzione per contenere il fenomeno sarebbe quella di eliminare le accise, magari per un periodo di tempo. Dopo tutto negli ultimi mesi, con il vertiginoso aumento dei costi dell’energia elettrica e del gas, lo Stato ha avuto un extra gettito dell’Iva davvero importante. Il comparto è in ginocchio – afferma in una nota ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?