Quotidiano Nazionale logo
14 apr 2022

Piano di riqualificazione degli edifici comunali

Liceo dismesso di via Leopardi, ex ospedale, Casa del Giardiniere: l’amministrazione partecipa al bando di rigenerazione urbana

L’ex liceo di via Leopardi
L’ex liceo di via Leopardi
L’ex liceo di via Leopardi

Riqualificazione dell’ex liceo di via Leopardi, ristrutturazione del ponte di via Piemonte e nuova manutenzione degli asfalti: sono questi gli interventi programmati o licenziati negli ultimi giorni dall’amministrazione comunale, che quindi cercherà di intercettare fondi dal Pnrr per rimettere in sesto l’ex edificio scolastico del centro, e che ha già affidato i lavori di messa in sicurezza del ponte sull’Albula prevedendo, nel frattempo, ulteriori risorse per il rifacimento delle strade cittadine. In primis, quindi, viale De Gasperi ha aderito al bando di rigenerazione urbana, chiedendo 2,6 milioni per la riqualificazione di alcuni edifici comunali fra cui appunto l’ex liceo ed edifici di via Leopardi, l’ex ospedale di via Pizzi e la Casa del Giardiniere. La delibera di giunta consente al comune di ambire alla richiesta di tutti e 5 i milioni indicati come importo massimo dal bando statale per investimenti in progetti di rigenerazione urbana. In una prima fase, infatti, erano stati richiesti soltanto 2.4 milioni di euro per la riqualificazione del complesso ex Ballarin. Il progetto presentato prevede la creazione di un polo del terzo settore che accolga iniziative di tipo civico, solidaristiche e di utilità sociale e uno spazio per il co-working, spazi per attività giovanili, per attività sociali di quartiere al chiuso e all’aperto. Gli spazi dell’ex ospedale di via Pizzi invece ospiteranno l’Istituto Vivaldi e le attività della scuola Sacconi. Per quanto riguarda l’ex-Casa del Giardiniere di viale Pasqualetti, il progetto prevede la sua trasformazione in biblioteca dei bambini. Un’ulteriore manutenzione degli asfalti sarà possibile grazie alle risorse emerse in fase di rendiconto. Con l’esercizio 2021, infatti, è stata posta fine al disavanzo tecnico dovuto al nuovo metodo di calcolo entrato in vigore nel 2019. Il disavanzo, inizialmente di 9 milioni, è stato azzerato e questo ha permesso di liberare somme precedentemente vincolate. Somme la cui destinazione è già stata scelta. "Parliamo di circa 240mila euro – sostiene l’assessore al bilancio Domenico Pellei - che la giunta ha deciso di indirizzare a nuovi asfalti. Sottolineo inoltre che dal prossimo esercizio l’avanzo conseguito sarà completamente libero e quindi potremo finanziare in modo non oneroso nuovi investimenti e spese straordinarie".

Infine, nei giorni scorsi il comune ha affidato i lavori per la ristrutturazione del ponte sull’Albula che attraversa via Piemonte. Il lavoro, per un valore di 300mila euro, è stato affidato all’impresa Costruzioni Edili Mast srl. L’infrastruttura necessitava di un intervento di messa in sicurezza almeno da 3 anni, quando con proprio esposto un ex dirigente comunale fece notare lo stato di fatiscenza delle travi, lo sgretolamento del calcestruzzo e l’ossidazione dei ferri.

Giuseppe Di Marco

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?