’PicOn’, il progetto del Gal Piceno per promuovere il territorio

Luciano Agostini: "Piano di valorizzazione turistica anche se le risorse economiche non sono all’altezza, la Regione ci aiuti"

’PicOn’, il progetto del Gal Piceno per promuovere il territorio

’PicOn’, il progetto del Gal Piceno per promuovere il territorio

Sono 23 i Comuni che formano i confini del Gal Piceno, oltre 200 partecipanti ai 14 incontri di ascolto e coprogettazione con cittadini, istituzioni e stakeholders, 150 turisti intervistati durante il periodo estivo. Questi sono alcuni dei numeri del progetto fortemente voluto dal Gal Piceno e realizzato dall’Ati costituita da Istao-Istituto Adriano Olivetti, capofila, con la cooperativa Vademecum. Si tratta di un piano pluriennale integrato di marketing e promozione territoriale, finalizzato alla creazione di un brand di valorizzazione turistica che è stato svelato venerdì scorso ad Offida. Il brand si chiama ’PicOn’, accompagnato dal claim ’esperienze di cui parlare’. Un logo e una breve descrizione, quindi, per raccontare il caleidoscopio di scoperte che si possono fare nei 23 comuni del Gal Piceno tra mare, colline, montagne e splendidi borghi. Una terra rurale, accogliente e genuina, caratterizzata da natura incontaminata, paesaggi e splendidi panorami, storia, tradizione, folklore, arte, cultura, cibo e buon vino. "Si tratta di un progetto – ha dichiarato il presidente del Gal Piceno, Luciano Agostini – molto importante giunto alla conclusione della fase di analisi e all’inizio di quella operativa, finalizzata ora alla promozione del territorio del Gal Piceno. Abbiamo voluto molto questo piano di valorizzazione turistica perché crediamo che il Gal debba ormai uscire dalla sola gestione del programma leader. Abbiamo infatti impostato la nuova programmazione in questa direzione, anche se purtroppo le risorse economiche non sono all’altezza delle progettualità che vorremmo realizzare. A tal proposito approfitto per fare un appello alla Regione affinché possa mettere a disposizione dei Gal più risorse". All’evento di Offida hanno partecipato anche Mario Baldassarri, presidente Istao, Giuseppe Sestili, coordinatore del progetto per Istao, Smeralda Tornese, Responsabile scientifico, Marina Valentini, direttrice Gal Piceno, oltre a sindaci e soci Gal.