Prefetto De Rogatis visita Diga Talvacchia, "Consapevolezza e sicurezza fondamentali"

Il Prefetto De Rogatis visita la diga di Talvacchia, in gestione ad Enel Green Power Italia. L'azienda mostra la rete di sensori presenti in diga, in grado di fornire informazioni sia idrauliche che strutturali. Il Prefetto sottolinea l'importanza della consapevolezza e del rispetto delle misure di sicurezza.

Nell’ambito delle iniziative volte alla prevenzione di fenomeni o criticità connessi al dissesto idrogeologico e idraulico, il prefetto Carlo De Rogatis, si è recato in visita presso la diga di Talvacchia, infrastruttura che sbarra il torrente Castellano nella località dalla quale prende il nome, in gestione alla società Enel Green Power Italia. Erano presenti anche il questore Vincenzo Massimo Modeo e i rappresentanti di Enel Green Power Italia, coordinati dal responsabile idroelettrico Area Centro Sud Angelo Guastadisegni. L’azienda elettrica si è soffermata sull’importanza della rete di sensori presenti in diga la quale è in grado di fornire informazioni sia di carattere idraulico che di carattere strutturale, al punto che la diga stessa è diventata un caso di studio, da parte delle associazioni scientifiche di cui Enel è parte, per la reazione che ha garantito in occasione degli eventi sismici del 2009 e del 2016. Enel Green Power Italia ha sottolineato come vi sia un presidio costante della diga, sia in condizioni ordinarie con personale in presenza dedicato al servizio di guardiania e con il monitoraggio da remoto attivo h24, pronto in situazioni di emergenza idraulica. "La piena consapevolezza e la capacità di lettura dei sistemi di allertamento da parte degli addetti ai lavori – ha sottolineato il Prefetto De Rogatis – rappresentano , unitamente al pieno rispetto delle misure di sicurezza prescritte dalla normativa, gli elementi fondamentali per la salvaguardia delle popolazioni e dei territori interessati da eventi derivanti da fenomeni idrogeologici".