Quotidiano Nazionale logo
22 mar 2022

Restrizioni e Green pass: verso la normalità

Ecco le tappe di avvicinamento al ’liberi tutti’. Non ci sarà la proroga dello stato di emergenza, primi allentamenti ad aprile

Con le Marche in zona bianca da ieri e il graduale allentamento, a partire dal primo aprile, delle misure anti Covid-19 da parte del Governo, la strada per il ritorno alla normalità sembra essere in discesa. Sempre se i contagi,ora in una fase di risalita, non costringeranno a fare qualche passo indietro. Quello che è sicuro è che il 31 marzo terminerà lo stato di emergenza e che non è prevista alcuna proroga. Quindi, si passerà all’abbandono graduale del Green pass in tutti i luoghi pubblici e, successivamente, anche della mascherina al chiuso. Ma vediamo quali sono le date che segneranno i passaggi principali relativamente all’allentamento delle misure. Dal primo aprile non ci sarà più l’obbligo del super Green pass (con vaccinazione o in seguito a guarigione da Covid-19) sui luoghi di lavoro per gli over 50 (ad eccezione nei luoghi sanitari), sarà sufficiente quello base (con tampone). E ancora, sempre dal primo aprile, per consumare in un bar o ristorante all’aperto, o per praticare attività sportiva all’aperto, non occorrerà più esibire la certificazione verde. La data del primo aprile porrà fine anche alla quarantena per chi non è vaccinato ed ha avuto un contatto stretto con un positivo: dovrà rimanere a casa solo chi si è contagiato, mentre il contatto stretto dovrà applicare il regime dell’auto-sorveglianza per 10 giorni con mascherina ffp2. Un ulteriore alleggerimento delle restrizioni ci sarà, poi, dal primo maggio quando, se tutto verrà confermato dal Governo: decadrà l’obbligo di indossare la mascherina e di esibire il Green passa rafforzato al chiuso. Dunque, via il dispositivo di protezione individuale a scuola, e via la certificazione verde per mangiare al ristorante al chiuso, per piscine, feste e discoteche. Dal primo maggio niente più Green pass rafforzato, ad eccezione per visite in ospedale e in Rsa.

Lorenza Cappelli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?