La festa di Santa Barbara al comando dei vigili del fuoco di Ascoli
La festa di Santa Barbara al comando dei vigili del fuoco di Ascoli

Ascoli, 4 dicembre 2018 - Ben 7569 gli interventi di soccorso tecnico urgente effettuati dai vigili del fuoco nel 2018, tra cui 1004 incendi, 461 tra crolli, valanghe e dissesti, 1469 soccorsi a persone, 395 incidenti stradali, 181 alluvioni. Sul totale degli interventi, 4044 sono quelli effettuati dalla sede centrale di Ascoli, 1833 dal distretto di Fermo e 1692 da quello di San Benedetto. Questi i dati diffusi dal comando dei vigili del fuoco di Ascoli, dove questa mattina le autorità civili e militari si sono riunite insieme a una folla di persone per la festa di Santa Barbara, patrona del Corpo Nazionale.

La cerimonia è iniziata alle 10 con la messa celebrata dal vescovo Monsignor Giovanni D'Ercole accanto a Don Lino Arcangeli, parroco della diocesi di San Filippo e Giacomo. «Innegabile è il valore di Santa Barbara per i vigili del fuoco – ha detto il vescovo – che è sempre presente nel momento del pericolo e delle difficoltà». Dopo la messa, a prendere la parola è stato il comandante provinciale Paolo Mariantoni, che ha voluto «ringraziare tutto il personale del comando di Ascoli, Fermo, San Benedetto, Amandola e Arquata del Tronto, tutte le 220 unità che sono in organico», non mancando di sottolineare la fatica messa in campo per fronteggiare l'emergenza sisma. «Sono più di due anni – ha detto - che i nostri uomini sono al fianco delle popolazioni duramente colpite e ancora oggi 10 unità sono impegnate ad Arquata e ad Amandola». 

Per quanto riguarda i dati, Mariantoni ha sottolineato che quelli del 2018 «sono superiori di circa il 50% rispetto alla media annuale. Di questi interventi il 54% sono stati effettuati dalla sede di Ascoli, il 24 % dalla sede di Fermo e il 22% dal distaccamento di San Benedetto». Un pensiero commosso è andato poi a tutti quei vigili del fuoco che hanno perso la vita nell'adempimento del proprio dovere, mentre a conclusione della cerimonia, sono state consegnate le onorificenze. Tre le croci di anzianità per aver prestato servizio lodevole per oltre 15 anni, consegnate rispettivamente a Pierluigi Cruciani, Carlo Angelini e Cristiano Quartarulli, e due le benemerenze offerte al capo reparto Walter di Luigi e al caposquadra esperto Bruno Lori, che hanno prestato servizio per oltre 38 anni. L'onorificenza rilasciata dalla Protezione Civile è stata invece consegnata a Giuseppe Pallotta, esperto in quiescenza premiato per il suo impegno durante il terremoto dell'Aquila.