Quotidiano Nazionale logo
8 mar 2022

Scuola media Isc Sud - Cappella

La scienza e l’esperienza di Liliana Segre ci insegnino a promuovere la piena partecipazione in rosa

L’11 febbraio si celebra la Giornata mondiale delle donne nella scienza, istituita 7 anni fa dall’ONU. Obiettivo 1: rompere i pregiudizi e gli ostacoli che ancora esistono nel mondo della ricerca, dove gli uomini sono ancora in netta maggioranza; obiettivo 2: sensibilizzare gli Stati membri, le università e la società a promuovere la piena ed equa partecipazione delle donne nelle scienze. La storia delle donne nella cultura e nella vita civile è stata una storia di emarginazione. Negli ultimi 15 anni la comunità globale ha fatto un grande sforzo per ispirare e coinvolgere le donne nelle scienze, perché scienza e uguaglianza di genere sono un binomio irrinunciabile per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo, concordati a livello internazionale. Bisogna valorizzare l’ingegno delle donne e non avere pregiudizi. Nella scienza non esistono maschi o femmine, la scienza è per tutti. Sono molte le donne che hanno contribuito in modo significativo al progresso dell’umanità. Ecco dunque solo alcuni esempi di donne e scienziate che hanno fatto davvero la storia. Samantha Cristoforetti: fin da piccola lo spazio l’ha affascinata, forse influenzata dalle tante letture di fantascienza, prima donna italiana a viaggiare nello spazio, è diventata astronauta a soli 33 anni. Sicuramente le sue scelte hanno richiesto studio, coraggio, sacrificio e determinazione. Non è scontato frequentare l’accademia aeronautica e ricevere la Spada d’Onore come migliore allieva; né scegliere un "mestiere" prevalentemente maschile e riuscire in 5 anni a diventare la prima astronauta italiana a partecipare ad un volo spaziale e realizzarsi professionalmente, in un campo così impegnativo e selettivo. Probabilmente avrà subito discriminazioni e pregiudizi, in quanto donna, in un ambiente prevalentemente maschile; il suo valore e la sua determinazione però hanno avuto la meglio su prevaricazione e competizione. Liliana Segre: nata a Milano nel 1930, ha vissuto la terribile esperienza dell’olocausto, nel campo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?