Quotidiano Nazionale logo
29 mar 2022

Sorpresa, la Carbon è il sito Fai più visitato

Prima nelle Marche e quinta in tutta Italia, l’ex area industriale ha conquistato tutti. La presidente Stipa: "Frammento di vita per la città"

L’ex Carbon durante le giornate del Fai (. Foto LaBolognese
L’ex Carbon durante le giornate del Fai (. Foto LaBolognese
L’ex Carbon durante le giornate del Fai (. Foto LaBolognese

Successo di visitatori per l’edizione 2022 delle Giornate Fai di Primavera che si sono svolte lo scorso weekend. I sette beni aperti tra Ascoli, Paggese e Arquata hanno registrato complessivamente 7.500 ingressi. La due giorni ha segnato, a livello nazionale, un nuovo primato e si conferma come il più grande evento di piazza dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico del Paese. Nelle Marche 38 mila visitatori. Ed è stato record per il sito dell’Elettrocarbonium: primo nella regione e quinto più visto in assoluto in tutta Italia, a pari merito con il percorso Verghiano proposto a Catania, dopo Villa Rezzonico a Bassano del Grappa, castello Mackenzie a Genova, il monastero della visitazione Santa Maria a Milano e la villa medicea di Careggi a Firenze.

Lo storico stabilimento, su un’area di 27 ettari che comprende 850 mila metri cubi di volumi tra capannoni e attrezzature, da anni ormai dismesso come sito produttivo, centro economico e sociale per la vita del capoluogo piceno per quasi un secolo, ha accolto 4 mila visitatori nelle giornate di sabato e domenica, provenienti da tante parti d’Italia. L’apertura dell’Elettrocarbonium ha rappresentato un evento irripetibile: i visitatori hanno potuto ammirare un’esposizione di fotografie e documenti storici e una performance di pittura, hanno assistito alla proiezione di un docufilm con testimonianze di alcuni ex dipendenti della fabbrica che per l’occasione hanno anche accompagnato il pubblico durante tutto il percorso. "Le Giornate Fai – dice la presidente Fai Marche, Alessandra Stipa – rappresentano un grande momento di condivisione e appartenenza e dimostrano per l’ennesima volta di essere in grado di regalare emozioni fortissime, grazie alla bellezza dei luoghi, ma anche al significato dei beni scelti, come nel caso dell’Elettrocarbonium, vero frammento di vita per un’intera città. Grazie di cuore a tutti i partecipanti e ai tanti volontari".

Ma anche gli altri beni aperti nell’ascolano hanno totalizzato un numero molto alto di visitatori. Seconda è stata la Fortezza Pia con 2.000 ingressi, terzi la chiesa, il convento e il parco dell’Annunziata con 800 ingressi, quarto Palazzo Bazzani con 200 ingressi (è stato aperto solo sabato), quinta la pinacoteca (era su prenotazione) con visita guidata di Papetti all’esposizione dei disegni di Pier Sante Cicala. Chiudono il borgo di Paggese con 150 presenze e l’oratorio della Madonna del sole a Capodacqua con 150 visitatori, che sono stati fruibili solo domenica.

Lorenza Cappelli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?