Terremoto e decreto casa: spunta l’emendamento Curti

Presentato con la collega Manzi per salvare le strutture provvisorie

Terremoto e decreto casa: spunta l’emendamento Curti

Terremoto e decreto casa: spunta l’emendamento Curti

E’ stato presentato un emendamento sul dl Casa a prima firma Curti e sottoscritto anche dall’onorevle Irene Manzi, che prevede la possibilità di mantenere installate le strutture provvisorie in area sisma. "L’emendamento si riferisce alle strutture provvisorie realizzate in prima emergenza, per garantire il proseguimento delle attività economiche danneggiate, in particolare imprese commerciali e di allevamento. Oggi, a distanza di otto anni, non ha alcun senso procedere alla rimozione laddove siano garantiti i requisiti urbanistici. Occorre infatti rimarcare come lo smantellamento e il conseguente smaltimento delle strutture generino costi molto elevati, oltre a produrre un significativo impatto ambientale. Si tratta dunque di operare in termini di buon senso, attuando il medesimo criterio conservativo che è stato individuato per le Sae, considerando tali strutture come un elemento di supporto alla ripresa economica. Questo emendamento, al quale occorrerà affiancare nei prossimi periodi una puntuale regolamentazione di natura operativa e gestionale, propone pertanto la soluzione a un problema complesso e pressante che coinvolge moltissime imprese del cratere sismico".