Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 nov 2021

"Troppi positivi, basta tamponi". Il cartello della farmacia a Cupra

Il caso domenica, il dottore: "Situazione precauzionale, un gesto di responsabilità per tutelare tutti"

29 nov 2021
Il foglio improvvisato esposto all’esterno della farmacia
Il foglio improvvisato esposto all’esterno della farmacia
Il foglio improvvisato esposto all’esterno della farmacia
Il foglio improvvisato esposto all’esterno della farmacia

Ascoli, 30 novembre 2021 - Ha creato qualche allarme il cartello apparso fuori dalla farmacia comunale ’Cuprense’ lungo la statale Adriatica nord, nel pomeriggio di domenica, dove si stava creando una consistente fila di persone che volevano sottoporsi a tampone. Ad un certo punto il farmacista ha esposto un foglio di carta improvvisato per annunciare che "Causa alto numero di positivi, per oggi non eseguiamo più tamponi per la vostra e la nostra sicurezza". Era accaduto che su otto tamponi eseguiti 6 erano positivi, mentre fuori la fila aumentava, per cui vi era il rischio che durante l’attesa per sottoporsi all’accertamento e a quella per attendere la risposta, si stava creando un certo assembramento.

E’ una situazione che si verifica la domenica, quando molte farmacie sono chiuse per turno ed a Cupra si riversano molte persone anche dai paesi limitrofi. "Solo un positivo di quelli accertati è di Cupra Marittima – ha affermato il sindaco Alessio Piersimoni – La situazione è ancora sotto controllo, abbiamo 16 persone positive, rispetto alle sette della scorsa settimana, per cui l’aumento è esponenziale e invito i cittadini a stare attenti e a sottoporsi al vaccino. Domenica ho assistito a un atteggiamento responsabile dei cittadini in fila per il vaccino davanti allo stadio dov’era il camper della Regione Marche. Nella lista delle persone positive abbiamo altri due residenti, ma in realtà sono domiciliati altrove. La sospensione dei tamponi è stata solo per precauzione". Anche il farmacista conferma la tesi del primo cittadino: "E’ stata una situazione precauzionale – ha affermato il dottore – un gesto di responsabilità per tutelare tutti". Oggi la situazione è tornata alla normalità con il servizio che viene svolto nel rispetto delle regole e negli orari stabiliti, sempre su prenotazione telefonica.
 

ma. ie.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?