Ubriaco si schianta poi cerca di scappare

Imprenditore condannato a 2 mesi e 20 giorni

Di aver causato un incidente stradale guidando ubriaco è stato riconosciuto colpevole un imprenditore ascolano che è stato condannato per questo a 2 mesi e 20 giorni di arresto oltre al pagamento di una ammenda di 800 euro. L’uomo, difeso dall’avvocato Umberto Gramenzi, causò il sinistro il 12 novembre del 2019 a Castel di Lama, avendo per altro anche la patente scaduta. Alla guida della sua vettura, intorno alle 22,30 l’ascolano stava percorrendo via Indipendenza quando ha perso il controllo del mezzo ed ha finito la sua corsa contro due auto che erano state regolarmente parcheggiate dai rispettivi proprietari, danneggiandole entrambe. Fu il proprietario di una delle auto in sosta colpite che, affacciatosi alla finestra avendo avvertito il trambusto, aveva visto l’auto che aveva causato l’incidente cercare di allontanarsi. Il guidatore era poi sceso e se n’era andato a piedi. I militari dell’Arma lo rintracciarono; sanguinante e dolorante, si era appoggiato ad un’auto in sosta. In ospedale fu sottoposto all’alcol test che evidenziò la presenza di 3,29 grammi/litro di alcol nel sangue.