Quotidiano Nazionale logo
16 apr 2022

Una folla abbraccia Pamela "Impossibile dimenticarti"

Dolore per la giovane mamma morta nello schianto in A14 mercoledì. Chiesa piena per stare vicino alla famiglia straziata: la donna aveva tre figli

Tanta commozione, occhi lucidi, dolore profondo ma composto, delle oltre cinquecento persone, che la Chiesa S. Pio V non è riuscita a contenere. Una folla che si è stretta alla disperazione dei familiari di Pamela Paolini, la mamma 41enne di tre bambini di 14, 11 e 6 anni tragicamente perita in un incidente sull’Autostrada A 14 accaduto poco dopo le 8 di mercoledì scorso. Aveva da poco accompagnato i figli a scuola, come faceva tutte le mattine prima di andare a lavoro. La funzione religiosa è stata celebrata dal parroco don Federico Pompei, da don Roberto Malone e don Pino Raio.

La bara bianca circondata da fiori e all’uscita un volo di palloncini bianchi e un lungo applauso per l’ultimo saluto.

"Non c’è una risposta a quello che accaduto – ha detto il parroco - Solo la fede ha una risposta. Sentiamo il dolore degli amici che sono legati direttamente a Pamela. Noi siamo venuti fin qui per dire che ci siamo e vogliamo partecipare anche noi al vostro dolore, a questa storia che ha spezzato la vita di comunione, terrena, umana, ma nello stesso tempo vogliamo dire quel si di fede che ci aiuta ad andare avanti, a riprendere la strada perché sappiamo che la nostra Pamela è con il Signore". Scossi anche i colleghi di lavori, della Conad Adriatico di Monsampolo.

Una collega ha rivolto l’ultimo saluto alla giovane mamma scomparsa: "Ti sei allontanata dai nostri occhi ma non dal nostro cuore".

"Conserveremo – ha continuato il parroco – gelosamente il tuo ricordo, lo proteggeremo dall’usura del tempo, lo rinnoveremo ogni volta che il nostro pensiero ti raggiungerà perché l’unica consolazione che abbiamo e che neppure questa dolorosa separazione potrà impoverirci di te. E’ impossibile dimenticare qualcuno che ci ha dato così tanto".

"Noi ti diciamo grazie – ha poi concluso il parroco nella sua toccante omelia – per questo pezzo di strada percorso insieme, per i gesti e le parole che ci hai dedicato e perdonaci se non ti abbiamo detto abbastanza quanto ti amiamo".

Marcello Iezzi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?