Vince il quartiere San Pietro con ’Che cos’è la Pop Art?’

E’ calato il sipario sull’edizione numero 47 del Carnevale Monturanese. Sbaffoni: "Una festa che unisce".

Vince il quartiere San Pietro  con ’Che cos’è la Pop Art?’

Vince il quartiere San Pietro con ’Che cos’è la Pop Art?’

Si è chiusa la 47esima edizione del Carnevale Monturanese con la seconda giornata di festa e divertimento andata in scena domenica nel cuore del centro storico cittadino con una partecipazione di pubblico straordinaria. Ad aggiudicarsi il cappello d’argento di Re Carnevale è stato il carro del quartiere San Pietro che, con "Che cos’è la Pop Art?", un’assoluta revisione carnevalesca di un movimento artistico nato negli anni ‘50, ma in grado di attraversare le epoche ed arrivare ai giorni nostri. Piazza d’onore per "Il Trono di Spade" del Quartiere San Lorenzo e medaglia di bronzo all’intramontabile "Harry Potter"del Quartiere Centro. Una classifica già stilata martedì scorso ma ufficializzata nella giornata di domenica. Tanti i premi consegnati come "miglior carro" al Quartiere Centro, "migliori costumi" al Quartiere San Pietro e "migliore coreografia" al Quartiere San Lorenzo. Sfilate che che sono state accompagnate dalle le voci di Lucia Gallucci e Barbara Sabbatini che hanno annunciato in piazza i vincitori insieme alla Sindaca Moira Canigola e poi infine lanciare la chiusura con il gettito dei gadget e il rogo del fantoccio. "Il Carnevale a Monte Urano è una festa coinvolgente, segnata da colori vividi, musica trascinante ha commentato la sindaca Canigola - ironia e tanto divertimento, capace, da quarantasette anni a questa parte, di legare le generazioni e capace di catalizzare l’attenzione di un intero territorio, al punto tale da riuscire a fare il tutto esaurito ad ogni appuntamento". Un successo di pubblico visto che l’intero centro storico era invaso di persone ad ogni angolo di strada. A seguire nei dettagli la regia dell’intero Carnevale, la macchina organizzativa già ben rodata ormai da anni, della Pro Loco guidata dalla Presidente Irene Sbaffoni: "Una tradizione che si rinnova, una festa capace di unire un’intera comunità. Il ringraziamento va a tutti i monturanesi, da mesi impegnati nella realizzazioni di carri allegorici che anche quest’anno hanno saputo stupire, ai quartieri e alle scuole, che ci hanno aperto le porte ed hanno collaborato con noi affinché questa tradizione continui immutata a perpetuarsi nel futuro".