Sottopassi chiusi a San Benedetto
Sottopassi chiusi a San Benedetto

IEZZI-MARCELLO

SAN BENEDETTO_ Mentre le squadre dei vigili del fuoco, degli operai e della polizia municipale delle località costiere, stavano lavorando per ripristinare la normalità, dopo la tromba d’aria che ha seminato danni nel pomeriggio di martedì, è arrivato un violento acquazzone che ha causato i soliti allagamenti. Strade e sotto passi ferroviari allagati. A San Benedetto la polizia locale ha chiuso in via precauzionale, diversi sottopassi ferroviari: in via Virgilio, via Ponchielli, via Voltattorni e via Fiscaletti. Un’auto è rimasta bloccata nel sottopasso di via Monfalcone. In molte zone sono saltati i tombini. Sott’acqua anche numerose strade e piazze cittadine. Lavori in corso nella piscina comunale dove il vento ha abbattuto un’intera vetrata. Disagi anche nelle altre località costiere. A Cupra Marittima sono stati fatti evacuare 4 bungalow nel campeggio “Terrazza sul Mare” perché minacciati dal crollo di quattro pini di grandi dimensioni, la polizia municipale e la protezione civile sono intervenuti per mettere in sicurezza un gruppo di bambini delle colonie estive rimasti bloccati a sud della Perla. Completamente ostruito da terra e fango il pontino di via delle Cupe che collega la statale 16 al mare, nella zona a sud di Cupra. Allagata via Kennedy, a nord della località balneare, invasa dall’acqua e fango anche la statale Adriatica in direzione dello chalet “Gabry” e in pieno centro in direzione del palazzo municipale. Lungo la Val Menocchia all’opera il personale della Provincia poiché interessata dalla caduta di alcuni alberi, mentre il personale del comune ha lavorato per riaprire via Passeggiata archeologica e alcune zone del paese alto interessate dalla caduta degli alberi. Il sindaco, Alessio Piersimoni martedì sera ha convocato il COC (Centro Operativo Comunale) che è ancora attivo. A Massignano ci sono diverse case che non hanno più le tegole portate via dal vento di ieri sera e nella zona del campo sportivo ci sono decine di abitazioni rimaste senza energia elettrica. A Grottammare sono stati liberati tutti i sottopassi ferroviari, alberi rimossi a Montesecco e in via Battista dove un pino ha schiacciato un’auto in sosta nel pomeriggio di ieri. La pioggia continua a cadere su tutta la fascia costiera alternando momenti di calma a violenti scrosci.

Marcello Iezzi

San Benedetto (Ascoli), 10 luglio 2019 - Mentre le squadre dei vigili del fuoco, degli operai e della polizia municipale delle località costiere, stavano lavorando per ripristinare la normalità, dopo la tromba d’aria che ha seminato danni nel pomeriggio di martedì, è arrivato un violento acquazzone (foto) che ha causato i soliti allagamenti. Strade e sotto passi ferroviari allagati. A San Benedetto la polizia locale ha chiuso in via precauzionale, diversi sottopassi ferroviari: in via Virgilio, via Ponchielli, via Voltattorni e via Fiscaletti.

false

Un’auto è rimasta bloccata nel sottopasso di via Monfalcone. In molte zone sono saltati i tombini. Sott’acqua anche numerose strade e piazze cittadine. Lavori in corso nella piscina comunale dove il vento ha abbattuto un’intera vetrata. Disagi anche nelle altre località costiere. A Cupra Marittima sono stati fatti evacuare 4 bungalow nel campeggio “Terrazza sul Mare” perché minacciati dal crollo di quattro pini di grandi dimensioni, la polizia municipale e la protezione civile sono intervenuti per mettere in sicurezza un gruppo di bambini delle colonie estive rimasti bloccati a sud della Perla. Completamente ostruito da terra e fango il pontino di via delle Cupe che collega la statale 16 al mare, nella zona a sud di Cupra.

Leggi anche Quintana Ascoli Piceno 2019 a rischio per il maltempo - Le previsioni, è allerta gialla

Allagata via Kennedy, a nord della località balneare, invasa dall’acqua e fango anche la statale Adriatica in direzione dello chalet “Gabry” e in pieno centro in direzione del palazzo municipale. Lungo la Val Menocchia all’opera il personale della Provincia poiché interessata dalla caduta di alcuni alberi, mentre il personale del comune ha lavorato per riaprire via Passeggiata archeologica e alcune zone del paese alto interessate dalla caduta degli alberi. Il sindaco, Alessio Piersimoni martedì sera ha convocato il COC (Centro Operativo Comunale) che è ancora attivo. A Massignano ci sono diverse case che non hanno più le tegole portate via dal vento di ieri sera e nella zona del campo sportivo ci sono decine di abitazioni rimaste senza energia elettrica. A Grottammare sono stati liberati tutti i sottopassi ferroviari, alberi rimossi a Montesecco e in via Battista dove un pino ha schiacciato un’auto in sosta nel pomeriggio di ieri. La pioggia continua a cadere su tutta la fascia costiera alternando momenti di calma a violenti scrosci.