il tempo di festeggiare, o almeno godersi il raggiungimento del traguardo salvezza, che per l’Ascoli è già tempo di preparare la prossima stagione in serie B. Le date non sono ancora state rese ufficiali ma si dovrebbe partire nell’ultimo weekend di settembre (sabato 26 e dintorni): già a fine agosto, quindi, si parlerà di preparazione. Il calciomercato, circondato da mille incognite, pare che arriverà ad ottobre inoltrato, ma molte operazioni, ufficiosamente, sono già in corso in questi giorni. In particolare sono proprio le squadre che hanno concluso la stagione (come l’Ascoli) ad essere proiettate più che mai verso il futuro. Prima di...

il tempo di festeggiare, o almeno godersi il raggiungimento del traguardo salvezza, che per l’Ascoli è già tempo di preparare la prossima stagione in serie B. Le date non sono ancora state rese ufficiali ma si dovrebbe partire nell’ultimo weekend di settembre (sabato 26 e dintorni): già a fine agosto, quindi, si parlerà di preparazione. Il calciomercato, circondato da mille incognite, pare che arriverà ad ottobre inoltrato, ma molte operazioni, ufficiosamente, sono già in corso in questi giorni. In particolare sono proprio le squadre che hanno concluso la stagione (come l’Ascoli) ad essere proiettate più che mai verso il futuro.

Prima di gettarsi anima e corpo nella battaglia delle trattative, però, la società bianconera ha bisogno di definire ufficialmente due ruoli chiave del proprio organigramma: il direttore sportivo e l’allenatore. In questo senso la conferma di Giuseppe Bifulco e Davide Dionigi è a un passo e già la prossima settimana potrebbe arrivare l’annuncio ufficiale. Il patron Pulcinelli ha grande stima del dirigente e non ha mai risparmiato lodi all’allenatore, in effetti autore di un miracolo, al di là della prestazione opaca nell’ultima partita con il Benevento. Dubbi su di loro, insomma, non ci sono.

Anzi, a completare il quadro ‘tecnico-dirigenziale’ dovrebbe arrivare una terza figura che probabilmente sarà una sorta di general manager: Morgan De Sanctis. L’ex portiere di Roma, Napoli, Udinese e Juventus e dirigente della Roma dopo aver appeso i guanti al chiodo è molto legato a Bifulco (con cui ha lavorato proprio nel club biancorosso) e pare abbia contatti con la proprietà bianconera da qualche mese. Anzi, proprio grazie al rapporto tra lui e Pulcinelli è stato individuata in Bifulco la figura adatta a gestire la difficile situazione post Covid. De Sanctis è rimasto alla finestra fino al raggiungimento della salvezza, ma ora dovrebbe entrare in scena passando dalla porta principale della società bianconera. Anche per lui l’annuncio è atteso a breve e non è escluso che il trio venga presentato insieme.

Detto di tecnico e dirigenti va approfondita la situazione contrattuale della squadra che l’altra sera ha concluso la stagione con la salvezza: di proprietà ma in scadenza al 31 agosto ci sono il difensore centrale Nahuel Valentini, il terzino sinistro Christian Andreoni e i centrocampisti centrali Michele Troiano e Mario Piccinocchi. A fine prestito ci sono invece ben nove giocatori, di cui otto del gruppo dei titolari: i difensori centrali Andreaw Gravillon e Eric Ferigra, il terzino sinistro Luca Ranieri e l’altro mancino Leonardo Sernicola, il jolly di centrocampo Petar Brlek e gli attaccanti Marcello Trotta, Leonardo Morosini e Gianluca Scamacca, oltre al secondo portiere Gabriele Marchegiani. Questi ultimi faranno ritorno alle rispettive società di appartenenza.

Dei pochi calciatori di proprietà tre sono sul piede di partenza: non mancano richieste per il difensore centrale Riccardo Brosco, il centrocampista Michele Cavion e l’attaccante Nikola Ninkovic. Torneranno dai prestiti, infine, Simone Ganz (Como), Danilo Quaranta (Catanzaro), Francesco Semeraro (Roma), Edoardo Tassi (Fano), Niccolò Tofanari (Fano), Alberto Gerbo (Crotone), Lorenzo Laverone e Moutir Chajia.

Gigi Mancini