Quotidiano Nazionale logo
12 apr 2022

Brini: "Siamo stati bravi dietro, serviva un po’ di coraggio in più"

Quattro punti in due gare, zero gol subiti e due prestazioni di grande solidità. Questi i primi 180 minuti di Fabio Brini nella sua seconda esperienza alla guida del Montegiorgio. Dopo il successo in extremis ma pesantissimo contro il Nereto, è arrivato un pareggio a reti inviolate al cospetto di una Vastese che dispone di un organico di altissimo livello per la categoria. Solida nella prima frazione, resistente nella seconda con un Gagliardini efficace quando è stato chiamato in causa, la squadra rossoblu è mancata negli ultimi venti metri in cui la zampata vincente non è arrivata. Resta la rete inviolata per due gare consecutive ed è un bel segnale di solidità al cospetto di un solo gol realizzato, come quello di Alex Misin. La classifica non è ovviamente ancora in sicurezza ma la strada intrapresa è quella della ricerca della continuità e della solidità per concedere il meno possibile per gli avversari. "La Vastese è organizzata per ambire a traguardi importanti e lo hanno dimostrato – l’analisi di mister Fabio Brini nel post gara - dovevamo cercare di limitare le loro potenzialità e lo abbiamo fatto. Con un pizzico di coraggio in più potevamo creare maggiori pericoli a loro. Poca incisività davanti? Mancano i punti che ti danno la serenità e la spensieratezza per tentare la giocata anche a mente sgombra. Noi dobbiamo continuare a fare più punti possibili che ci rimangono. Dalla gara col Nereto siamo riusciti a lavorare in maniera che posso dire essermi quasi piaciuta mentre nella ripresa ho visto un po più di tensione".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?