L'ex Benevento Emanuele Padella è pronto ad nuova avventura con l'Ascoli
L'ex Benevento Emanuele Padella è pronto ad nuova avventura con l'Ascoli

Ascoli, 17 agosto 2017 - “Con l'arrivo di questo giocatore possiamo considerare il reparto difensivo ok”. Il ds Cristiano Giaretta ha introdotto così la presentazione di Emanuele Padella, avvenuta stamattina nella sede del Picchio. Il difensore acquistato dal Benevento a titolo definitivo ha legato il suo futuro all'Ascoli fino al 2020 con un triennale.

“A partire da adesso il mio cuore e la mia testa dicono solo Ascoli Picchio – queste le prime parole in bianconero del 28enne romano -. Questa è una piazza importante che vive di calcio, i tifosi sono molti caldi. Per me è stato impossibile rinunciare ad un'offerta del genere. Non faccio proclami, ma posso dire che con tanto lavoro possiamo toglierci belle soddisfazioni. Prima di venire qui avevo sentito Ivan Lanni, con lui ho giocato a Grosseto, e Andrea Mengoni con cui sono stato compagno a Benevento per sei mesi. Ma soprattutto Daniele Buzzegoli. Tutti mi hanno sempre parlato molto bene di questa piazza. Sono orgoglioso di essere qui. Non mi sento un leader ma spero di poter dare tutto me stesso in campo e aiutare gli elementi più giovani. Sono un classico marcatore, arcigno, che ama il contatto con l'avversario. Qui ho subito trovato un gruppo fantastico, sarà importante in un campionato lungo e difficile come quello di B essere uniti e costruire un recinto intorno a noi per uscire insieme dai momenti difficili”.

Nel tardo pomeriggio di oggi molto probabilmente arriverà la fumata bianca anche per l'attaccante Lorenzo Rosseti. In sede infatti è in programma l'incontro decisivo tra Giaretta e l'agente del giocatore. “Stiamo lavorando per un investimento importante a lungo termine – ha precisato il diesse -, proveremo a prenderlo a titolo definitivo. Quinquennale? Ci metteremo a tavolino col procuratore del ragazzo. Dopodiché l'organico potrà essere considerato al completo. La trasferta di Verona ne è stata la dimostrazione. Infine se proprio vogliamo guardare il pelo nell'uovo proveremo a prendere nella fase finale del mercato un attaccante esterno da utilizzare a sinistra col piede invertito”.

Massimiliano Mariotti