Quotidiano Nazionale logo
23 apr 2022

Caligara: "Ho voluto l’Ascoli e voglio restarci altre stagioni"

Il centrocampista guarda al finale di stagione: "Cittadella fastidioso da affrontare, ma dobbiamo vincere"

Caligara esulta dopo il gol alla Reggina
Caligara esulta dopo il gol alla Reggina
Caligara esulta dopo il gol alla Reggina

Il suo gol con la Reggina ha lanciato l’Ascoli verso il successo per 2-0 sui calabresi. La vittoria di Parma ha poi permesso di centrare il record di 10 vittorie esterne in un singolo campionato. A parlare dell’incandescente finale di stagione è stato Fabrizio Caligara. Il centrocampista può ormai praticamente ritenersi a tutti gli effetti un giocatore di proprietà del club. Negli accordi siglati la scorsa estate con il Cagliari si sono verificate tutte le condizioni previste per far scattare l’obbligo di riscatto (15 presenze in campionato e il mantenimento della categoria). Un investimento complessivo che ammonta ad un milione di euro per un’operazione strutturata su un iniziale prestito oneroso di 200mila euro e il contestuale obbligo di riscatto di 800mila. "Sono molto contento di essere un giocatore dell’Ascoli – ha affermato il 22enne -, l’ho voluto fortemente ad inizio stagione durante il mercato. Mi fa piacere essere qui altre stagioni per cercare di fare qualcosa di grande. Quello del reparto mediano è stato una buon campionato. Il mio cammino ha visto alti e bassi. Invece quello della squadra è stato sempre in crescendo. Partita dopo partita l’intesa è migliorata sempre di più e in quest’ultima parte si sta verificando ancora un miglioramento collettivo. Dobbiamo continuare a dare continuità. Non ci piace parlare e fare slogan. Quello della serie A è un obiettivo talmente grande. Ci pensiamo. Se viene bene, ma noi ragioniamo partita dopo partita. Va dato il massimo in tutte le gare e dobbiamo uscire dal campo senza avere rimpianti. Poi se accadrà saremo contenti".

In vista del match interno di lunedì contro il Cittadella (ore 12,30) il Del Duca si prepara ad ospitare un pubblico davvero numeroso. In città c’è euforia e saranno davvero in tanti a non perdere questo appuntamento con la storia. "Ci tengo a ringraziare i tifosi – ha proseguito -. A Parma la squadra ha ricevuto questo grande affetto. Non è da tutti essere 1.500 a vedere la partita in un giorno festivo. Spero che anche stavolta in casa saranno numerosi perché ci danno sempre una grossa mano. Sono il nostro dodicesimo uomo in campo. Ci stiamo preparando allenandoci sempre a quell’orario. Arriveremo pronti alla partita".

Nei giorni scorsi a fare visita alla squadra al Picchio Village è Massimo Pulcinelli. "Il discorso e i complimenti del patron fanno piacere. Sappiamo che queste tre partite saranno fondamentali per il nostro cammino e soprattutto per ciò che ci giocheremo più avanti. Ragioniamo una partita dopo l’altra e alla fine vedremo dove saremo arrivati e cosa ci aspetterà. Il Cittadella è una squadra che ha sempre fatto buoni campionati. È un avversario fastidioso da affrontare però noi ce la giocheremo a viso aperto per cercare di portare a casa la vittoria".

Massimiliano Mariotti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?